Condividi, , Google Plus, LinkedIn,

Stampa

Fascicolo n° 135 Maggio/Giugno 2019

COPERTINA 135

I provvedimenti per il rilancio attraverso scelte strategiche che aumentano la credibilità

Mentre usciamo con questo nuovo fascicolo, a oltre un mese dall’approvazione del Consiglio dei Ministri, solo ora il Decreto “Sblocca Cantieri” è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale.

Il nuovo Decreto apporta ben 81 correzioni ai 216 articoli del Codice degli Appalti del 2016: una grande quantità di modifiche che ora dovranno essere recepite con un nuovo ciclo di audizioni da Stazioni Appaltanti e Imprese, in attesa che prenda forma il nuovo regolamento unico attuativo che, entro il 17 Giugno, dovrà essere convertito in Legge.

Il Decreto cancella molte Linee Guida e Decreti già varati o in corso di emanazione per sostituirli con un regolamento vincolante e rigoroso. Si spiana la strada a un ampio ricorso alla figura del Commissario Straordinario per sbloccare le opere in stallo. I Commissari avranno pieni poteri, potranno svolgere le funzioni di Stazione Appaltante e superare ogni paletto normativo o autorizzazione, tranne le disposizioni antimafia.

Gli effetti sono però attesi solo con la nomina dei Commissari, rimandata dal Decreto a una triangolazione tutta da costruire fra Palazzo Chigi, Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti e Ministero dell’Economia. Il tema delicatissimo della riforma del Codice degli Appalti e incerte coperture finanziarie non aiutano a far decollare l’atteso Decreto che permette la ripresa del lavoro su centinaia di cantieri bloccati in Italia per diversi motivi.

Anche il Decreto Crescita, approvato con tanta enfasi quale segnale positivo di rilancio degli incentivi agli investimenti delle Imprese, è rimasto impigliato nei dubbi della Ragioneria di Stato con un testo che ha accolto Norme di diverso tipo, che ha problemi di copertura per gli stanziamenti. La scelta è comunque strategica e in direzione giusta, come quella fatta con il provvedimento di rilancio dei cantieri.

Entrambi i provvedimenti attesi con ansia dalle Imprese e dai cittadini, sono stati presentati come testi fondamentali per rilanciare l’economia. Nei confronti dell’Europa per i mercati e per le Agenzie di Rating devono essere il segnale forte per dimostrare che l’Italia vuole giocare veramente la partita dello sviluppo.

La Costituzione italiana stabilisce per i Decreti Legge i requisiti straordinari di necessità e di urgenza. Questa Norma viene sistematicamente violata. Alla gravità di questi rallentamenti che danneggiano tutto il nostro Paese, poi si aggiunge la prassi oramai in uso per nascondere e compensare le divergenze politiche di Governo oltre ogni limite di tempo, la formula “salvo intese”, che è contraria al carattere di necessità e urgenza dei Decreti Legge.

Una nota positiva: nell’ultimo allegato al DEF 2019 sulle infrastrutture e trasmesso pochi giorni fa in Parlamento, tra i quattro pilastri strategici per la chiarezza delle future politiche del settore vi è quello riguardante la sicurezza e la manutenzione delle infrastrutture, dichiarato quale grande impegno che prelude la volontà di avviare un serrato programma di manutenzione delle reti di trasporto.

Su questo fascicolo di “Strade & Autostrade” come tutti gli anni affrontiamo il tema ambiente e degrado del territorio. Cosa è stato fatto in Italia negli ultimi mesi a livello di prevenzione del rischio? Il territorio italiano, a causa delle sue caratteristiche geologiche, morfologiche e idrografiche, è naturalmente predisposto a fenomeni di dissesto quali frane e alluvioni, quindi è un territorio fragile.

Perciò contiamo molto sul Decreto “Proteggi Italia”, un Piano nazionale per la messa in sicurezza dell’ambiente e per opere di prevenzione e mitigazione del rischio idrogeologico istituito per finanziare progetti e interventi infrastrutturali cantierabili.

Le Amministrazioni competenti, tra le quali il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, dovranno subito presentare alla Presidenza della Cabina di Regia Strategia Italia un elenco di progetti per interventi infrastrutturali immediatamente eseguibili. Si effettueranno quindi Conferenze di Servizi sulla base delle proposte delle Regioni e delle Province Autonome interessate.

Mi auguro quindi che si faccia presto: la stagione autunnale delle grandi e oramai violente piogge è vicina. Non si deve sottovalutare il cambiamento climatico che sta portando distruzione e perdite di vite umane in tutto il mondo.

Claudio Capocelli

Scarica il Sommario alla pagina http://www.edi-cem.it/home/strade-autostrade/