Condividi, , Google Plus, LinkedIn,

Stampa

Fascicolo n° 143 Settembre/Ottobre 2020

Copertina 143

Rallentare in modo intelligente senza incertezze e con fiducia nel futuro

In un’estate segnata da carenza di certezze scientifiche e, a livello mondiale, di figure istituzionali che sappiano infondere fiducia verso il futuro, la sensazione più diffusa per tenere a bada incertezza e preoccupazione è quella di dover far qualcosa. Non si sa bene cosa, ma la sensazione è di doverlo fare, e in fretta. La paura è un po’ passata, ma le cose non vanno bene come avevamo sperato mentre entravamo nell’estate più strana della nostra vita.

Continuiamo ad avere la sensazione di navigare a vista, mentre aspettiamo che qualcuno ci dica che la “fase di test” è finita e che possiamo tornare ai nostri posti. In tempi di incertezza, l’energia mentale è un bene prezioso e scarso, consumata come è dalla gestione dell’incertezza, e nel volerla risparmiare ci sentiamo tutti giustificati dalla causa dominante: “la salute prima di tutto”.

Dopo mesi di lockdown e pandemia in cui diverse persone dicono di aver lavorato più di prima, l’obiettivo dovrebbe esser quello di riprendere consapevolezza sul proprio progetto professionale e privato, evitando di cadere preda delle costrizioni e delle sopraffazioni dell’urgenza.
Dobbiamo guardare in faccia alle nostre priorità con concretezza, distinguendo nettamente il concetto di importanza e quello di urgenza, avendo il coraggio di fermare per prendere consapevolezza del nostro percorso e dei ruoli nell’ambito lavorativo, quindi ora possiamo cercare l’energia per proseguire le nostre attività. Ci vuole più coraggio, in tempi di incertezza, per adeguare il passo a nuove andature, per tollerare soste e deviazioni.

Allora occorre avere fiducia nel futuro, anche perché in questi giorni il Governo sta definendo il quadro per la prossima manovra di bilancio assieme alle Linee Guida del Recovery Plan nazionale, in previsione del complessivo piano di riforme e di investimenti che sarà trasmesso alla Commissione Europea entro metà Ottobre in modo da sostenere il rilancio dell’economia italiana.

Premetto che il Recovery Fund è stato pensato, in Europa, per dare supporto finanziario alle riforme e agli investimenti realizzati dai singoli Stati per alleviare gli effetti economici e sociali della crisi generata dal Covid-19. Ogni Paese è chiamato a individuare le aree prioritarie sulle quali intervenire e fare un’attenta analisi delle criticità al fine di individuare un piano dettagliato degli interventi necessari.

Il Governo dovrebbe anticipare non solo le Linee Guida, ma anche e forse soprattutto il disegno di politica economica alle prese con una crisi senza precedenti. Si darebbe maggiore certezza a famiglie e Imprese infondendo coraggio per proseguire al meglio tutte le nostre attività. Si disporrebbe in tal modo anche il piano di riforme e investimenti da sottoporre a Bruxelles evitando di frazionarne le risorse in 1.000 rivoli.

L’intero piano di interventi dovrà essere vincolato alle priorità già note definite da Governo e Parlamento: investimenti “green” e diretti alla transizione energetica, priorità alle infrastrutture materiali e immateriali, risorse per il digitale, drastica semplificazione degli adempimenti burocratici e amministrativi, rimozione degli ostacoli che si frappongono all’affermazione di una vera cultura del mercato, riduzione della pressione fiscale a partire dagli oneri che gravano sul lavoro, lotta all’evasione, un’incisiva e strutturale opera di riqualificazione della spesa corrente e riduzione dei tempi della giustizia civile: tutti obiettivi da presentare a Bruxelles con un programma solido e credibile.

Per questo, un parziale “anticipo” delle sue Linee Guida sarebbe quanto meno utile e opportuno, anche per rassicurare investitori e mercati sull’intenzione del Governo in modo da riprendere senza indugi il percorso di risanamento della finanza pubblica e dare slancio e fiducia anche a tutti gli operatori del nostro comparto.

Claudio Capocelli

Scarica il Sommario alla pagina http://www.edi-cem.it/home/strade-autostrade/

>  Se questo articolo ti è piaciuto, iscriviti alla Newsletter mensile al link http://eepurl.com/dpKhwL  <