Condividi, , Google Plus, LinkedIn,

Stampa

Fascicolo n° 138 Novembre/Dicembre 2019

COPERTINA 138

L’evoluzione tecnologica dell’industria di trasporto e l’adeguamento delle infrastrutture

È in atto una profonda trasformazione dell’industria del trasporto, un cambiamento che va governato e che coinvolge un gran numero di settori diversi, sia pubblici che privati. Si sente sempre più parlare di guida autonoma e soprattutto si parla di connettività che abilita servizi. Le tecnologie delle comunicazioni
tra auto e infrastrutture stanno convergendo per accompagnare questa evoluzione della mobilità e generando nuovi modi di vivere e di lavorare.

La trasformazione in atto mi fa considerare l’ampio divario che purtroppo si sta creando tra l’evoluzione dell’auto e le nostre infrastrutture di trasporto. La guida assistita per i veicoli è già acquisita e tra non molto sarà una realtà anche la guida autonoma: la tecnologia informatica si evolve velocemente.

E le nostre strade si stanno predisponendo per dialogare con i nuovi mezzi di trasporto? Innanzitutto dobbiamo garantire la sicurezza di tutto il sistema
stradale e autostradale e predisporre un vasto programma di interventi di ristrutturazione delle pavimentazioni che dovranno essere cablate e attrezzate con ricevitori e sensori che possano dialogare con auto e mezzi di trasporto.

Il Governo si è impegnato per mettere in atto una rivoluzione nel monitoraggio e nella manutenzione delle infrastrutture, ma necessita di tempo nonostante siano stati raggiunti ottimi risultati e sia pronto il Decreto per la nascita del primo archivio informatico delle opere pubbliche con l’Agenzia Ansfisa.

Sarà il braccio operativo con cui lo Stato vigilerà sulla salute delle infrastrutture e sull’esecuzione dei lavori e degli interventi, da parte dei Concessionari.
È un primo passo per poter effettuare contemporaneamente interventi di cablaggio e segnalamento sulle infrastrutture di trasporto per connettere le auto con la strada.

Ma la costituzione di Ansfisa è stata ostacolata all’interno dello stesso Ministero e l’Agenzia non opera ancora: quanto tempo sarà allora necessario per la digitalizzazione della rete?

Dalla Ministra delle Infrastrutture e dei Trasporti Paola de Micheli è stato anche firmato il Decreto attuativo per la condivisione dei dati e delle informazioni relative alle opere pubbliche in Italia, dando il via all’Archivio informatico nazionale delle Opere pubbliche per il monitoraggio delle opere in Italia e l’interoperabilità delle Amministrazioni coinvolte.

Attraverso un’unica piattaforma sarà possibile identificare un’opera e la sua collocazione nel contesto territoriale, visualizzarne i dati, le informazioni e i documenti per un monitoraggio tecnico che ne prevenga anche le criticità.

Questi Decreti attuativi certamente saranno buone basi di partenza, ma poi si dovrà agire con grande rapidità e competenza. L’AD di ANAS, Massimo Simonini, in qualità di Presidente italiano PIARC ha sottolineato in occasione del recente Congresso mondiale ad Abu Dhabi, l’impegno di ANAS nella graduale trasformazione della rete stradale principale in Smart Road, considerandola l’ambiente ideale per l’avvento della guida autonoma di cui il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti ha autorizzato le prime sperimentazioni in Italia.

L’ANAS, che gestisce circa 30.000 km di rete stradale e autostradale pubblica, ha risposto prontamente a questa importante sfida attraverso un programma del valore di un miliardo di Euro che prevede la graduale digitalizzazione della rete autostradale e stradale di competenza. Il traguardo finale è dotare il Paese di
una rete efficiente e aperta alle nuove sfide del futuro, dall’alimentazione elettrica alla guida assistita e autonoma.

Devono impegnarsi tutti i Gestori della rete di trasporto, autostrade, Regioni e Province. È una grande opportunità per mettere gli utenti della strada in grado di viaggiare in sicurezza con grande risparmio di vite umane, minori costi nei tempi di viaggio e conseguente riduzione dell’inquinamento.

Claudio Capocelli

Scarica il Sommario alla pagina http://www.edi-cem.it/home/strade-autostrade/