Condividi, , Google Plus, LinkedIn,

Stampa

Pubblicato in:

Un progetto italiano finalista agli YII Awards 2018

Tra i finalisti del premio assegnato da Bentley Systems era presente Italferr SpA che, già dal 2013, ha avviato l’adozione della metodologia BIM in Azienda con un progetto per la linea ferroviaria Hirpinia-Orsara

Sfondo ita

Italferr SpA, Società di ingegneria del Gruppo Ferrovie dello Stato Italiane con oltre 30 anni di esperienza nei grandi progetti infrastrutturali per il settore ferroviario convenzionale e per quello ad Alta Velocità – e tra le prime Società di ingegneria in Italia ad aver adottato la metodologia BIM -, è stata selezionata tra i finalisti degli Year in Infastructure Awards 2018, nella categoria “Innovazioni nella digitalizzazione di ferrovie e trasporti”, con il progetto dell’”Itinerario Napoli-Bari-raddoppio tratta Apice-Orsara, 1° Lotto funzionale Hirpinia-Orsara”, per cui sono stati adottati gli strumenti di modellazione Bentley Systems.

  • Italferr
    1 italferr
  • RFI
    2 italferr
    L’inquadramento generale della tratta interessata dal progetto finalista di Italferr
  • camerone
    3A italferr
    27 dei 28 km della tratta si sviluppano in galleria
  • galleria
    3B italferr
    27 dei 28 km della tratta si sviluppano in galleria
  • metodologia
    4A italferr
    Le viste 3D del modello della galleria di linea e del camerone
  • impianti
    4B italferr
    Le viste 3D del modello della galleria di linea e del camerone
  • BIM
    5B italferr
    L’impiego della metodologia BIM ha permesso l’efficientamento del processo di progettazione, costruzione e gestione degli impianti tecnologici
  • Efficientamento
    5A italferr
    L’impiego della metodologia BIM ha permesso l’efficientamento del processo di progettazione, costruzione e gestione degli impianti tecnologici

Il BIM come approccio all’attività progettuale

Già dal 2013, Italferr ha creato un gruppo dedicato alla metodologia BIM, allo scopo di inserirla in prima battuta nel ciclo di progettazione e, successivamente, in quello della direzione lavori. Dopo una selezione delle risorse, operata lavorando su casi pilota, sono stati organizzati internamente dei corsi di formazione.

Il concetto del BIM non viene quindi associato soltanto a un software, ma a un approccio che implica collaborazione, condivisione e coordinamento. In tale ottica, la scelta societaria è stata fino ad oggi quella di sviluppare tutto internamente da chi è il detentore del processo e far ricorso a Consulenti esterni come supporto agli applicativi software.

Per il progetto in concorso, c’è stato un lavoro congiunto tra esterni sui software e interni che hanno dovuto sviluppare delle macro ad hoc al fine di progettare in BIM gli apparati delle tecnologie ferroviarie.

Nel processo di digitalizzazione, per gli ingegneri di Italferr è importante saper gestire i dati, e il modello non serve solo per la visualizzazione 3D: l’obiettivo è infatti quello di inserirvi tutte le informazioni in un ambiente condiviso, dove siano utilizzabili anche nella fase successiva della direzione lavori.