Share, , Google Plus, LinkedIn,

Print

Posted in:

La nuova circonvallazione di Bressanone e Varna – prima parte

È in via di completamento la circonvallazione di Bressanone e sta per iniziare quella di Varna: insieme costituiscono un caso di eccellenza con soluzioni estreme

La nuova circonvallazione di Bressanone e Varna - prima parte

I materiali interessati dallo scavo sono costituiti da terreni morenici e alluvionali quaternari, sotto falda, a copertura del substrato metamorfico filladico pre-permiano che, insieme a un corpo dioritico intrusivo, è stato attraversato nella prima parte di galleria naturale da Sud.

Infine, le posizioni degli innesti della variante alla S.S. 12 “del Brennero” comportano un doppio sottopasso con ridotte coperture sia della linea ferroviaria del Brennero che dell’Autostrada del Brennero nonché la creazione, in corrispondenza dell’imbocco Sud, di un attacco degli scavi in sotterraneo e di un ramo di svincolo in trincea in condizioni particolarmente difficili.

Per la realizzazione del lavoro sono state utilizzate con successo le più disparate tecniche di intervento in campo geotecnico, quali, per esempio, iniezioni cementizie da tubi valvolati, micropali sia in sotterraneo (infilaggi) che per paratie tirantate di tipo “berlinese”, chiodature autoperforanti per la realizzazione di scarpate artificiali in materiali sciolti (soil nailing), iniezioni jet-grouting, perforazioni con sistema Symmetrix (Atlas Copco), pali secanti, abbassamento della falda mediante pozzi di emungimento.

La particolare delicatezza delle condizioni al contorno ha inoltre comportato efficaci sistemi di monitoraggio del comportamento del terreno superficiale e delle strutture in prossimità degli scavi.

Descrizione generale dell’opera

La carreggiata stradale è bidirezionale con due corsie da 3,75 m, una per senso di marcia, e banchine laterali di 0,5 m. La larghezza pavimentata complessiva è quindi di 8,5 m. In galleria sono previsti due marciapiedi laterali di 1,0 m. La pendenza longitudinale massima è del 3% e il raggio minimo di curvatura del tracciato principale è di 250 m.

Il tracciato è molto articolato e si può convenzionalmente dividere in quattro parti principali. La prima, a valle dell’abitato di Bressanone, comprende la tratta dall’innesto con la S.S. 12 “del Brennero” fino all’imbocco Sud della galleria, costeggiando il piede del rilevato ferroviario a sua volta sovrastato dal muro di sostegno dell’Autostrada del Brennero.

Lo svincolo Sud è risolto con una rotatoria di innesto sulla S.S. 12 “del Brennero”, mentre per consentire la continuità di traffico evitando interferenze tra il flusso veicolare proveniente e/o diretto in galleria con quello in uscita da Bressanone sulla vecchia statale, si è realizzato un ramo monodirezionale in sottopasso della stessa circonvallazione, in terreni alluvionali e di conoide sotto la quota di falda.