Condividi, , Google Plus, LinkedIn,

Stampa

Pubblicato in:

Sicurezza 2.0: soluzioni per uno scavo sotterraneo sicuro

Da Officine Maccaferri, il sistema di supporto tunnel BZEROTondo

La sicurezza degli operatori nelle infrastrutture in sotterraneo è strettamente legata alle scelte ingegneristiche, così come alla necessità di ridurre tempi e costi di realizzazione.

Tutti aspetti che vanno correlati e tenuti in debita considerazione nelle diverse fasi progettuali e realizzative. L’impiego delle centine tradizionali come supporti dello scavo in avanzamento è l’attività a maggior rischio per le Maestranze.

Dal principio di limitare il più possibile l’esposizione dei lavoratori a tali rischi da parte del Direttore Progetti Infrastrutturali di Atlantia, Ing. Gennarino Tozzi, nasce l’idea di sviluppare un progetto di “centina sicura” che elimini la presenza di Personale in prossimità del fronte di scavo durante tutte le fasi della messa in opera.

  • Maccaferri
    1 macca
    Il carro posacentine a tre bracci, che solleva e installa le centine autonomamente mediante controllo remoto
  • Posacentine
    2A macca
    Il carro posacentine EKIP 2104 a tre bracci
  • Carro
    2B macca
    Il carro posacentine EKIP 2104 a tre bracci
  • Telescopico
    3A macca
    Particolare delle catene di collegamento automatiche
  • Centina
    3B macca
    Particolare delle catene di collegamento automatiche
  • Tunnel
    4A macca
    Particolare del piede telescopico estraibile autobloccante
  • Pavimental
    4B macca
    Particolare del piede telescopico estraibile autobloccante
  • Sicurezza
    5A macca
    Il posizionamento e l’apertura della centina
  • CP Technology
    5B macca
    Il posizionamento e l’apertura della centina

Il sistema di supporto semiautomatico per tunnel BZEROTondo (www.maccaferri.com/it), unitamente al carro posa centine EKIP2104, si è quindi dimostrato una soluzione con prestazioni in grado di ridurre significativamente il tempo di posa in opera e, allo stesso tempo, di offrire agli operatori un ambiente di lavoro migliorato, più sicuro (riduzione dell’esposizione a condizioni di rischio e strutturalmente più performante) e più attento alla qualità delle operazioni.