Condividi, , Google Plus, LinkedIn,

Stampa

Pubblicato in:

Adeguamenti strutturali e funzionali sulla S.S. 76 “Perugia-Ancona”

Ai sensi del D.Lgs. 264/06 (rete TEN), le accortezze progettuali poste in opera al fine di consentire l’adeguamento delle gallerie esistenti del Maxilotto 2

sfondo astaldi

Conclusioni

La soluzione descritta è finalizzata a risolvere la problematica della durabilità delle gallerie esistenti per le quali si rendono necessari interventi di ripristino che sempre più spesso risultano complementari a quelli di adeguamento impiantistico previsti dal D.Lgs. 264/06.

La crescente necessità di prevedere interventi di adeguamento su buona parte del patrimonio infrastrutturale nazionale rappresenta, infatti, un tema di particolare interesse rispetto al quale Astaldi ha maturato esperienze dirette in tutte le fasi procedurali (dalla progettazione alla messa in opera).

Nello specifico, gli interventi messi in opera sui cantieri del Maxilotto 2 del Quadrilatero Marche-Umbria rappresentano un valido esempio che consente di coniugare gli aspetti connessi al raggiungimento di adeguati standard prestazionali con quelli propri della standardizzazione e della semplificazione delle attività di cantiere.

In tale ottica, vista l’assenza dell’arco rovescio che ha consentito un abbassamento della livelletta della tratta, l’adozione di gusci prefabbricati quali elementi in grado di garantire un elevato livello di qualità consente la realizzazione di interventi in tempi e costi contenuti, soprattutto se confrontati con quelli necessari per la realizzazione di un’opera ex novo.

Dati tecnici

  • Stazione Appaltante: Quadrilatero Marche Umbria SpA
  • Contraente Generale: Dirpa 2 Scarl (Ing. Pietro Gianvecchio, Presidente, e Ing. Federico Montanari, Direttore Generale)
  • Progetto definitivo ed esecutivo: ATI composta da Progin SpA, Lombardi SA, Lombardi Reico, Girpa Progetti
  • Collaudo: Ing. Claudio De Lorenzo
  • RUP: Ing. Iginio Farotti
  • Direzione dei Lavori: Ing. Peppino Marascio
  • Responsabile Sicurezza: Ing. Salvatore Chirico
  • Direzione di Cantiere: Geom. Bruno Ganz
  • Esecutori dei Lavori: Astaldi SpA