Share, , Google Plus, LinkedIn,

Print

Posted in:

I cedimenti delle infrastrutture viarie: l’impegno di ANAS

La presentazione dell’Ing. Gianni Vittorio Armani, Presidente di ANAS SpA, per l’audizione del Senato della Repubblica dello scorso 2 Maggio

I cedimenti delle infrastrutture viarie: l’impegno di ANAS

Lo sviluppo di tecnologie innovative per diagnostica

Nel biennio 2015-2016 sono state avviate diverse specifiche campagne di indagine per il controllo quantitativo delle caratteristiche di resistenza o durabilità dei materiali di particolari tipologie di opere o su determinati itinerari. Le opere che sulla base dei rilievi e dalle indagini eseguite evidenziano maggiore necessità di controllo verranno assoggettate a programmi di monitoraggio strumentale con utilizzo di sensori ad acquisizione automatizzata dei parametri significativi o mediante applicazione di tecnologie satellitari. A tale fine, ANAS ha avviato collaborazioni funzionali con Enti dello Stato e Istituti di ricerca, quali:

  • Politecnico di Torino per l’applicazione sperimentale sul viadotto Italia dei micro-sensori MEMS (Micro Electro-Mechanical System);
  • Università La Sapienza di Roma per la prima applicazione sull’Autostrada A19 Palermo-Catania del monitoraggio superficiale con la tecnica dell’Interferometria Differenziale da Sensori Satellitari DlnSAR;
  • ISPRA per attività di analisi sulla vulnerabilità idraulica e geomorfologica della rete ANAS in prossimità di ponti e viadotti, con particolare riferimento ai 1.802 ponti/viadotti ricadenti in aree a diversa pericolosità di frana e ai 1.657 ponti/viadotti ricadenti all’interno di aree a diversa pericolosità idraulica;
  • ASI Agenzia Spaziale Italiana per l’utilizzo dei dati della costellazione satellitare Cosmo-SkyMED per il monitoraggio delle infrastrutture stradali con la tecnica dell’interferometria differenziale da sensori satellitari DlnSAR;
  • Dipartimento della Protezione Civile per l’analisi e lo sviluppo di modelli per il calcolo della vulnerabilità sismica di ponti/viadotti;
  • Politecnico di Torino per lo studio di metodologie innovative di monitoraggio e di indagine vibrazionale/acustica “non distruttiva” dei viadotti a cavi scorrevoli;
  • Università Tor Vergata di Roma per una ricerca sugli interventi di manutenzione straordinaria di ponti in calcestruzzo armato e calcestruzzo armato precompresso, mirato alla redazione di otto Quaderni Tecnici, da utilizzare come standard di progettazione ANAS.