Condividi, , Google Plus, LinkedIn,

Stampa

Pubblicato in:

Fabrizio Palenzona: l’uomo che… sussurra alle Concessionarie

Intervista al Cav. Fabrizio Palenzona, Presidente di AISCAT

È una di quelle giornate in cui il cielo di Roma manda all’aria ogni previsione meteorologica: è Febbraio ma il sole splendente ci fa dimenticare l’inverno e ci proietta verso la primavera, aumentando il piacere di utilizzare il motorino, ma facendoci anche pensare a quanto il clima stia cambiando e quali ripercussioni avrà sul futuro.

Ci avviamo per arrivare in orario verso una delle zone più belle della Capitale, Villa Borghese, situata nel quartiere Pinciano. Fermiamo il motorino e, con qualche minuto di anticipo rispetto all’orario concordato, entriamo in una palazzina elegante su tre piani, al riparo dal traffico cittadino.

  • AISCAT
    2 intervista
    L’AISCAT è l’Associazione di categoria che riunisce le Società Concessionarie di autostrade e trafori in Italia
  • Palenzona
    3 intervista
    La mission di AISCAT è quella di raccogliere, confrontare e portare su un tavolo di discussione collegiale le esperienze e le esigenze delle Associate
  • Autostrade
    4 intervista
    Al momento ad AISCAT sono associate 25 Società Concessionarie che gestiscono poco più di 6.000 km di autostrade
  • Traffico
    5 intervista
    L'impegno dell'Associazione per lo sviluppo e l’ammodernamento infrastrutturale è continuo, in modo da poter soddisfare volumi di traffico sempre più consistenti con migliori standard prestazionali
  • Telepedaggio
    6 intervista
    Negli ultimi tempi, in Europa e in Italia si sta affermando il sistema di riscossione “free-flow”, considerato veloce ed efficiente

Dopo i saluti di rito, veniamo accompagnati nella stanza del nostro intervistato. Anche lui arriva puntuale e non ci sembra vero che il tempo sia passato da quando, nel 2004, abbiamo fatto la sua conoscenza (si veda “S&A” n° 47 Settembre/Ottobre 2004). Allora scrivemmo su queste pagine: “La prima impressione è estremamente favorevole: alto e imponente, sembra trasmettere una sorta di fiducia incondizionata, come solo chi è sereno con se stesso per aver fatto quanto è nelle proprie capacità e possibilità: sarà un incontro interessante”.

A distanza di quasi 15 anni confermiamo il tutto, anche se per noi vale la convinzione che l’imperturbabilità consente di non “farsi abbattere nel presente, né sgomentare per il futuro”, come ebbe a dire Marco Aurelio.