Condividi, , Google Plus, LinkedIn,

Stampa

Pubblicato in:

La sicurezza nelle gallerie ferroviarie italiane

L’Italia è il Paese europeo che conta il più alto numero di gallerie ferroviarie per un totale di circa il 10% della intera infrastruttura ferroviaria

sfondo rfi

Rete Ferroviaria Italiana (RFI) è il Gestore della quasi totalità della infrastruttura ferroviaria italiana e assicura il rispetto delle condizioni di sicurezza di più di 1.500 km di gallerie, realizzate a partire da 150 anni fa e ancora in servizio.

A tal fine, RFI applica le Normative attualmente vigenti in materia, vale a dire il Decreto Ministeriale – Sicurezza nelle Gallerie Ferroviarie – 28/10/2005 e il Regolamento UE n° 1303/2014 relativo alla specifica tecnica di interoperabilità concernente la sicurezza nelle gallerie ferroviarie (STI-SRT).

  • Esercitazioni
    1 rfi
    L’estesa delle gallerie ferroviarie a livello europeo a confronto
  • Normative
    2 rfi
    La tipologia costruttiva delle gallerie RFI
  • infrastrutture ferroviarie
    3 rfi
    Un marciapiede con corrimano
  • sicurezza
    4 rfi
    L’accesso ad una finestra di tipo carrabile
  • RFI
    5 rfi
    Esercitazioni in galleria
  • galleria
    6 rfi
    I livelli di accettabilità del Rischio Cumulato

Queste Norme, a livello nazionale ed europeo, sono relativamente recenti essendo state emanate negli ultimi 20 anni. L’articolo illustra i criteri impiegati da RFI per la definizione dei requisiti di sicurezza delle gallerie di nuova realizzazione e delle gallerie in esercizio.

La particolare conformazione orografica ha reso l’Italia il Paese europeo col maggior numero di gallerie ferroviarie. RFI, in qualità di Gestore dell’infrastruttura ferroviaria nazionale, si trova pertanto a dover garantire la sicurezza del patrimonio di opere sotterranee più cospicuo tra tutte le nazioni europee.

La rete in esercizio gestita da RFI presenta, infatti, un’estensione di circa 16.800 km. Le gallerie di lunghezza maggiore di 100 m raggiungono uno sviluppo di circa 1.518 km, di cui oltre il 50% a doppio binario.

L’elevato numero di gallerie e il verificarsi di alcuni incidenti nelle opere sotterranee delle infrastrutture viarie di trasporto hanno fatto sì che il tema della sicurezza diventasse centrale per la progettazione funzionale delle gallerie.