Condividi, , Google Plus, LinkedIn,

Stampa

Pubblicato in:

Bitumi e leganti bituminosi: la Normazione europea e il contributo italiano

Il tema della Normazione sui bitumi: le novità più importanti, sia per le Norme di specifica che per quelle dei metodi di prova, di una materia tanto importante che merita la giusta attenzione e curiosità

sfondo eni

I nuovi test per valutare i bitumi base per le emulsioni

Per quanto riguarda le emulsioni bituminose merita di essere citata la proposta francese al CEN TC336 di definire due nuovi standard EN:
• metodo per la determinazione del numero di acidità dei bitumi (metodo potenziometrico);
• metodo per la determinazione del contenuto di sali nei bitumi.

Sebbene appena proposte entrambe le determinazioni siano state classificate come indicative “della natura” e non della “prestazione” del bitume e quindi inizialmente rigettate, grazie all’insistenza dei colleghi francesi, molto preparati sulle emulsioni, alla fine è prevalsa la considerazione di predisporre i metodi perché “strumenti” utili a quanti nel settore formulano emulsioni e a quanti forniscono bitumi base per produrre emulsioni.

La prova interlaboratorio bitume 2017 UNICHIM-SITEB

Nell’ambito degli aggiornamenti del settore in materia di specificazione del bitume, merita senz’altro una menzione anche l’accordo di collaborazione stilato nel 2017 fra Unichim e SITEB per l’organizzazione della prossima prova interlaboratorio dedicata ai parametri di qualità del bitume.

Nei precedenti due anni di fatto esistevano due prove interlaboratorio che prendevano in esame il bitume: quello SITEB che pur essendo focalizzato principalmente sul conglomerato prevedeva anche la valutazione di alcuni test su un bitume e quello Unichim sui prodotti petroliferi.

La prova interlaboratorio sotto il nuovo corso Unichim-SITEB prevede tre cicli all’anno, ma nel 2017 per ragioni di tempo sono stati svolti due cicli. L’obiettivo di medio termine (entro il 2018) è quello di inserire la prova tra le prove accreditate di UNICHIM.

L’accordo, unificando a livello nazionale le due precedenti esperienze, consentirà di raccogliere un maggior numero di laboratori partecipanti e quindi di aumentare la significatività della prova, un passo molto importante per tutto il settore.