Condividi, , Google Plus, LinkedIn,

Stampa

Pubblicato in:

Barriera conforme o barriera davvero sicura?

Quando si parla di sicurezza stradale passiva implicitamente ci si riferisce alle barriere stradali progettate per contenere i veicoli erranti all’interno della carreggiata (barriere laterali), ovvero per assorbire l’energia cinetica del mezzo impattante così da preservare l’incolumità degli occupanti all’interno del veicolo (barriere frontali)

Tutti i dispositivi di ritenuta presenti sulle strade europee sono stati (o almeno sarebbero dovuti essere) certificati prima dell’installazione, in conformità alla Normativa EN 1317 che disciplina lo standard europeo per testare le barriere prima di poterle commercializzare.

Purtuttavia, la certificazione implica conformità ma non necessariamente garanzia che la barriera in caso di impatto assolverà la sua funzione primaria, cioè “salvare la vita agli occupanti del veicolo”.

In modo particolare per le barriere frontali (attenuatori d’urto e terminali speciali) bisogna rilevare un enorme gap tra i veicoli utilizzati nei test di certificazione e la flotta di veicoli attualmente circolante sulle nostre strade.

  • Sicurezza
    1 sma
    La sequenza di un crash test secondo lo standard europeo EN 1317
  • Crash test
    3 sma
    L’apertura delle portiere del veicolo dopo un impatto a 130 km/ora: con questo impatto si produce un’energia cinetica pari a 820 kJ. Il dispositivo di ritenuta deve prevenire il rischio di deformazione dell’abitacolo così da permettere l’apertura delle portiere
  • incidente
    4 sma
    Un veicolo per crash test equipaggiato con manichino EuroNCAP che consente la misurazione delle lesioni riportate dal passeggero a seguito di un incidente
  • Attenuatore d'urto
    5 sma
    Geronimo installato su strada alle spalle di un attenuatore d’urto

Infatti il cosiddetto test capacitivo, cioè il test con il veicolo più pesante, per gli attenuatori e per i terminali è un test frontale a 110 km orari con un veicolo di 1.500 kg con un’energia cinetica di impatto pari a 701 kJ.

Oggigiorno, sulle nostre strade circolano sempre più SUV (Sport Utility Vehicles) aventi un peso che può arrivare ben oltre le 2 t e che a parità di impatto contro la barriera potrebbero generare una energia cinetica maggiore di quella che la barriera è testata per sopportare.