Share, , Google Plus, LinkedIn,

Print

Posted in:

Un ponte strallato ferroviario nel Kashmir indiano

Nella Regione indiana del Jammu-Kashmir è in costruzione, a cura della Northern Railways of India, una nuova linea ferroviaria

Un ponte strallato ferroviario nel Kashmir indiano

Le Norme e le azioni considerate

D’accordo con la Committenza, la Normativa adottata è stata quella indiana per quanto riguarda le azioni, mentre per le analisi e le verifiche si sono utilizzati gli Eurocodici. I carichi ferroviari adottati sono molto simili a quelli Europei e la velocità di progetto della linea è di 100 km/ora, tale da non porre particolari problemi per l’interazione veicolo-struttura. La zona è sismica con una PGA al suolo, secondo quanto specificato dalla Normativa indiana, pari a 0,17 g per le verifiche allo SLS e 0,27 g per quelle allo SLU.

Come consigliato per questo tipo di ponti molto flessibili, le analisi sismiche sono state svolte con l’intero spettro elastico fornito dalla Normativa Indiana. La frequenza fondamentale flessionale del ponte è di 0,40 Hz; quella torsionale di 1,05 Hz. Per quanto riguarda la “robustezza”, sono stati considerati i seguenti eventi eccezionali garantendo le prestazioni indicate:

  1. rottura di due stralli consecutivi: il ponte deve rimanere strutturalmente integro per la condizione di servizio ridotta (carichi permanenti + traffico ridotto o vento ridotto o azioni termiche);
  2. rottura di tre stralli consecutivi: il ponte deve rimanere strutturalmente integro sotto i soli carichi permanenti;
  3. possibile esplosione di 40 kg (TNT equivalente) a livello dell’impalcato: il ponte non deve collassare ed essere riparato con costi e tempi ragionevoli.

Le prove nella galleria del vento

Le condizioni ambientali severe e l’importanza della luce del ponte hanno da subito indicato la necessità di realizzare un modello fisico per valutare le azioni aerodinamiche statiche nonché gli effetti del distacco dei vortici e il rischio di instabilità aereo elastica. I dati di partenza erano costituiti da uno studio dell’Istituto indiano RWDI che ha fornito i risultati delle prove condotte su un modello riproducente la topografia del sito, in assenza di ponte.