Condividi, , Google Plus, LinkedIn,

Stampa

Pubblicato in:

L’evoluzione tecnologica delle lavorazioni stradali

Il mescolatore Ecotech 2.90 EVO è una macchina per la produzione di conglomerati cementizi e bituminosi a freddo. Si compone di una serie di sotto-gruppi comuni a tutte le macchine Bertoli e di una serie di accessori che la rendono unica

Il gruppo generatore

A garantire l’indipendenza del sistema produttivo sul cantiere vi è il sistema di generazione dell’energia elettrica necessaria alla movimentazione di tutti i sotto-gruppi direttamente a bordo macchina. La produzione di energia in maniera del tutto indipendente è la condizione affinché il sistema produttivo possa essere definito effettivamente “mobile”.

La macchina descritta nelle sue parti fondamentali risulta quindi essere in grado di garantire un’altissima produttività, senza rinunciare alla facilità di movimentazione offerte dal sistema di stabilizzatori ad assetto variabile e dal nastro finale reclinabile.

Il tutto consente alle imprese di poter beneficiare di importanti vantaggi dal punto di vista produttivo e logistico. L’operatore addetto alla conduzione dell’impianto di miscelazione ha a disposizione una interfaccia grafica di facilissima gestione.

La grafica del panel touch è stata affinata negli anni per garantire, anche all’operatore poco specializzato, di controllare il processo produttivo e di gestione. La macchina è in grado di produrre materiali miscelati in due condizioni di funzionamento specifiche: una configurazione “Manuale” e una completamente “Automatica”.

Quest’ultima configurazione è sicuramente quella che impegna maggiormente il sistema informatico e che necessita di una buona gestione software. Infatti, l’aspetto più critico, è sicuramente quello di garantire i corretti dosaggi, secondo la formulazione richiesta del materiale finito, in produzione continua. Ogni singolo ingrediente della formula richiesta (generalmente da un Ente certificatore o descritta in un Capitolato e affinata e confermata da una serie di prove e rilievi) deve “partecipare” a costituire il conglomerato, sia esso di emulsione bituminosa che di base cementizia, in proporzione costante al variare del tempo. Se il sistema non fosse concepito in maniera corretta si verificherebbero dei vuoti di materia in una zona del prodotto finito e eccessi in altre zone, rendendo inutilizzabile il prodotto generato.