Condividi, , Google Plus, LinkedIn,

Stampa

Pubblicato in:

L’evoluzione tecnologica delle lavorazioni stradali

Il mescolatore Ecotech 2.90 EVO è una macchina per la produzione di conglomerati cementizi e bituminosi a freddo. Si compone di una serie di sotto-gruppi comuni a tutte le macchine Bertoli e di una serie di accessori che la rendono unica

Per ottenere parametri corretti, inseriti all’interno del data-base della macchina, prima di iniziare una produzione con dei materiali nuovi, si deve procedere alla fase di calibrazione, dove vengono effettuate analisi di prova degli inerti per conoscere l’esatta capacità del materiale di “laminare” passando dallo stoccaggio alla fase di mescolazione.

Questa fase delicata è gestita interamente attraverso l’ausilio delle celle di carico installate sul sistema, le quali permettono di rendere l’operazione certificata, ripetibile e precisa. La precisione con la quale il processo si compie è dell’ordine del chilogrammo, ben al di sopra del livello richiesto.

La calibrazione dei materiali processati non richiede particolari competenze tecniche, essendo un processo guidato dalla logica impostata nella macchina. È però necessario rimarcare l’importanza che questa fase richiede: se il sistema infatti è calibrato in maniera non opportuna si potrebbero avere delle cattive gestioni del materiale disponibile con dosaggi non accurati, e che potrebbero farsi sentire sulla grande produzione di circa 100 m3/ora.

Le tipologie di miscele possibili sono le più disparate in quanto ogni singolo materiale può essere gestito, chilogrammo dopo chilogrammo, per ogni secondo di produzione. La produttività può essere inoltre aumentata o diminuita a discrezione dell’operatore per consentire una gestione della portata corretta di conglomerato. Non è necessario infatti viaggiare sull’ordine dei 90-100 m3/ora se non è specificatamente richiesto.