Condividi, , Google Plus, LinkedIn,

Stampa

Pubblicato in:

Un esempio di crescita globale e integrazione nel segno della continuità

Nuove opportunità in tutti i settori dopo il passaggio del Wirtgen Group alla John Deere, leader mondiale delle macchine agricole che, grazie a questa prestigiosa acquisizione, diventa il terzo Player globale delle macchine da costruzione, considerando insieme macchine stradali e movimento terra. Con l’insediamento a inizio anno del nuovo CEO Domenic Ruccolo, ha avuto inizio un programma di integrazione tra le due Aziende, che non prevede stravolgimenti ma nuove prospettive: la Redazione ne ha parlato con l’Ing. Mario Spinelli, AD di Wirtgen Macchine

sfondo wirtgen

Si è compiuta definitivamente anche a livello formale, con il closing dello scorso 1° Dicembre, l’acquisizione del Wirtgen Group da parte dell’americana John Deere, Azienda di fama internazionale specializzata nella produzione di macchine da costruzione, agricole e forestali. L’intento è quello di unire due leader mondiali di mercato, che propongono insieme un’enorme gamma di prodotti tra loro complementari.

Da parte degli ex Amministratori Delegati Jürgen e Stefan Wirtgen, la scelta della cessione nasce dalla volontà di garantire un futuro di costante crescita al Gruppo, tramite il passaggio da una conduzione familiare estremamente solida a un’Azienda quotata in borsa e dotata di una visione globale, che in ogni caso presenta una base di valori comuni a quelli della proprietà storica, e non mostra l’intenzione di stravolgerne il modello di business, che ha portato nel 2017 anche in Italia un fatturato a livelli pre-crisi, con una crescita del 15%.

  • Wirtgen
    2 wirtgen
    L’Ing. Mario Spinelli, AD di Wirtgen Macchine
  • John Deere
    1 wirtgen
    Si è compiuta definitivamente l’acquisizione del Wirtgen Group da parte dell’americana John Deere
  • Acquisizione
    3 wirtgen
    La scelta della cessione nasce dalla volontà di garantire al Gruppo un futuro di costante crescita
  • Fresa
    4 wirtgen
    La fresa W 150 CFi con tamburo da 1.800 mm

A livello strategico, l’intenzione della John Deere – che ha individuato nel settore costruttivo e infrastrutturale la parte più consistente della domanda dei mercati nel prossimo trentennio, da affiancare al settore food già coperto da quello agricolo – è considerare questa acquisizione la più rilevante nella sua storia, per garantire stabilità e continuità a un Gruppo in crescita che ha iniziato positivamente anche il 2018 e ha presentato a INTERMAT la fresatrice W 210 XP a motore unico e il nuovo gruppo fresante per la W 150 CF/W 150 CFi.