Condividi, , Google Plus, LinkedIn,

Stampa

Pubblicato in:

Il nuovo porto turistico di Ventimiglia

La realizzazione di un modello informativo volto alla progettazione e alla gestione di una infrastruttura portuale comprensiva di opere edili, riqualificazione urbanistica, opere a mare e di consolidamento di versante

sfondo proiter

Il porto turistico oggetto della Progettazione Esecutiva, della Direzione Lavori e del Coordinamento della Sicurezza in fase di esecuzione è inserito nel comune di Ventimiglia (IM), nella zona della Marina San Giuseppe e si colloca in un tratto di litorale conformato per ospitare tale tipo di opera, quale naturale “ampliamento” dell’approdo esistente, in un’area fisicamente ben delimitata che si estende dalla Punta della Rocca a ponente fino alla foce del fiume Roja a levante.

L’intervento è finalizzato alla realizzazione di un approdo turistico per la nautica da diporto. Il progetto conclude un lungo iter interlocutorio partito dallo studio preliminare del 2000 e sviluppato attraverso il progetto preliminare e la successiva VIA, in ottemperanza alle prescrizioni della Delibera del C.C. che prevedevano, in occasione della realizzazione del porto turistico, la bonifica ambientale del sito, il miglioramento dei servizi e della viabilità pedonale e veicolare dell’area e la valorizzazione del soprastante centro storico per favorirne il processo di recupero attraverso l’integrazione urbanistica e i collegamenti meccanizzati.

  • 1 proiter
  • 2 proiter
  • 3 proiter
  • 4 proiter
  • 5 proiter
  • 6A proiter
  • 6B proiter
  • 7 proiter
  • 8 proiter
  • 9A proiter
  • 9B proiter

Il porto, originariamente pensato e in parte già realizzato per ospitare una flotta con imbarcazioni medio-piccole, ha subito una modifica sostanziale in occasione dell’acquisto dell’iniziativa della Società Cala del Forte Srl dalla Société Monegasque Internationale Portuaire s.a.m. (SMIP), Società costituita dalla Société d’Exploitation des Ports de Monaco s.a.m. (SEPM), per volontà del Governo del Principato Monegasco.

L’esigenza di ospitare imbarcazioni di taglio maggiore (fino a 60-70 m) ha reso necessaria un’attività di riprogettazione e riverifica dei fondali, delle banchine, dei dispositivi di ormeggio e delle opere foranee, con adeguamento di ciò che era stato precedentemente eseguito e riconfigurando completamente quanto ancora da eseguire.