Condividi, , Google Plus, LinkedIn,

Stampa

Pubblicato in:

Tom Alkim: l’uomo che… lavora per la guida autonoma in Europa

Intervista in esclusiva a Tom Alkim, Policy Officer per la Guida automatizzata e connessa presso il Direttorato Generale per la Ricerca e l’Innovazione della Commissione Europea

sfondo inter

  For English version: https://www.stradeeautostrade.it/en/front-page-interviews/tom-alkim-the-man-who-works-for-the-autonomous-drive-in-europe/

Una delle sfide più importanti che attendono l’Italia e l’Europa nei prossimi anni è quella della guida automatizzata. Partecipando nell’Ottobre 2019 a un Convegno sulla Smart Mobility, organizzato a Torino da Sina SpA e in collaborazione con European ITS Platform (si veda “Strade & Autostrade” n° 138 Novembre/Dicembre 2019 a pag. 212), abbiamo avuto modo di conoscere uno dei Relatori.

Si tratta dell’Olandese Tom Alkim, Policy Officer della Commissione Europea per la Guida Automatizzata e Connessa presso il Direttorato Generale per la Ricerca e l’Innovazione: di recente ha gentilmente accolto il nostro invito ad approfondirli su “Strade & Autostrade”.

“Strade & Autostrade”: “Lei ha una vasta esperienza nei campi di C-ITS e automazione della guida, e ha lavorato per anni presso la Rijkswaterstaat (ovvero l’Autorità Nazionale Olandese per le Strade), che fra le Istituzioni dei vari Paesi Membri può essere considerata una delle più proattive e innovative in materia di ITS e Smart Road. Può descriverci nel dettaglio qual è il suo ruolo oggi nella Commissione Europea e quali sono gli aspetti più importanti che ha portato con sé dalle precedenti esperienze nei Paesi Bassi?”.

“Tom Alkim”: “All’interno della Commissione Europea, io lavoro per il Direttorato Generale per la Ricerca e l’Innovazione, che è responsabile per le politiche comunitarie su ricerca, scienza e innovazione, nell’ottica di favorire la crescita e la creazione di posti di lavoro e affrontare le nostre più grandi sfide a livello sociale.

In particolare quest’ultimo aspetto delle sfide sociali, collegate ai trasporti in generale e soprattutto alla Smart Mobility, era già uno dei miei ruoli nella Rijkswaterstaat, il ramo esecutivo del Ministero dei Trasporti e della Gestione dell’Acqua nei Paesi Bassi.

Io ero parte del Team centrale, con membri del Ministero, della Rijkswaterstaat e dell’Autorità Olandese per i Veicoli (RDW), che era Responsabile dell’inserimento della Smart Mobility nell’agenda politica durante la Presidenza olandese dell’Unione Europea nella prima metà del 2016, con la Dichiarazione di Amsterdam [1] e la European Truck Platooning Challenge [2].

Commissione europea
1. La dimostrazione di uno shuttle automatizzato a ITS Europe (Eindhoven, Paesi Bassi, anno 2019). Da sinistra: Dennis Mica (2getthere), Tom Alkim, Ludger Rogger e Jean-François Aguinaga (Commissione Europea). Per ulteriori informazioni si veda https://2019.itsineurope.com/ e www.2getthere.eu/

All’interno di questo team centrale, alcune delle mie responsabilità erano l’Agenda Olandese per la Conoscenza della Guida Automatizzata e il fatto di assicurarmi che imparassimo dai nostri progetti e iniziative: dopotutto il nostro motto era “imparare facendo”.

Come Dipendente della Rijkswaterstaat e dunque del Gestore della rete stradale nazionale, mi sono focalizzato sulla prospettiva dei Gestori nel campo della guida connessa e automatizzata e su ciò che possono fare per facilitarne e, se possibile, accelerarne l’impiego.

I Gestori delle reti stradali non producono veicoli automatizzati, ma possono far sì che questo accada. Ciò è collegato soprattutto al ruolo che le infrastrutture sia fisiche che digitali svolgono nel cosiddetto Operational Design Domain (ODD) dei veicoli connessi e automatizzati.

In qualità di Esperto nazionale distaccato, sono entrato nella Commissione Europea nel Dicembre 2018 per ricoprire l’incarico di Policy Officer per la Guida Automatizzata e Connessa presso l’unità Sistemi Urbani e di Mobilità del Futuro del Direttorato Generale per la Ricerca e l’Innovazione.

Insieme ai miei colleghi, sto assicurando che il budget disponibile per progetti e iniziative di ricerca e innovazione venga speso in modo oculato, individuando le questioni rilevanti sia per il programma Quadro Horizon 2020 che per il successivo. Questo viene fatto naturalmente consultando vari Stakeholder, ad esempio nel caso della piattaforma UE per i test su strade aperte CCAM (Connected, Cooperative & Automated Mobility), che è stata lanciata dalla Commissione nell’estate 2019”.

“S&A”: “Quanta importanza riveste il concetto di cooperazione nelle politiche europee riguardanti la guida autonoma e i trasporti innovativi e a che punto ci troviamo in questo senso nel rapporto fra i vari Paesi Membri?”.

“TA”: “La cooperazione è molto importante per far diventare realtà l’impiego della Guida Connessa e Automatizzata. Come osservato in precedenza nel contesto degli ODD, più di uno Stakeholder può avere conseguenze importanti sulla forma e la dimensione di questi e, dunque, giocare un ruolo nell’ottimizzazione delle varie condizioni sotto le quali la guida connessa e automatizzata è possibile.

In generale, si può dire che ci siano almeno tre condizioni da soddisfare allo scopo di ottenere un impiego soddisfacente. Si inizia con la tecnologia abilitante (ad esempio sensori, software, ecc.) che rende possibile guidare in modo connesso e automatizzato: il mondo accademico e quello industriale stanno lavorando duramente per far sì che questo succeda.

Questo deve essere ben integrato con l’attuale “ecosistema di mobilità” in cui sia le infrastrutture fisiche che quelle digitali e altre forme di mobilità sono presenti: gli Stakeholder così come i Gestori, i Fornitori di servizi di mobilità e le Autorità hanno un ruolo in questo.

Inoltre, un appropriato quadro giuridico è la chiave per consentire la circolazione su strada di veicoli automatizzati e connessi, che abbia coerenza giuridica con le Leggi internazionali, europee e nazionali e sufficiente flessibilità per accogliere l’innovazione.

Per ottenere tale obiettivo, gli Stati Membri, la Commissione Europea e l’Industria stanno lavorando insieme, ad esempio, all’interno dell’UNECE (Commissione Economica delle Nazioni Unite per l’Europa).

Horizon 2020
2. Durante la riunione iniziale del progetto EU H2020 MEDIATOR (L’Aia, Paesi Bassi, Maggio 2019), Tom Alkim ha presentato la visione della Commissione sulla mobilità connessa e automatizzata. Accanto a lui c’è Nicole van Nes, Responsabile del progetto MEDIATOR (SWOV, Istituto per la Ricerca sulla Sicurezza stradale). Per ulteriori informazioni si veda https://mediatorproject.eu/

Allo scopo di raccogliere pienamente i benefici sociali della guida automatizzata e connessa, è anche necessario far sì che la popolazione abbia realmente fiducia e faccia uso della tecnologia e dei servizi in un modo tale che la società possa adottarla.

Pertanto, lo sviluppo affidabile e incentrato sull’uomo, la diffusione e l’uso della guida connessa e automatizzata in un modo sostenibile sono fondamentali. A mio parere, ciò è possibile solo se tutti gli Stakeholder, compresi gli Stati Membri e la Commissione Europea, lavorano insieme”.

“S&A”: “Le Istituzioni UE hanno raggiunto pochi mesi fa un accordo politico provvisorio su una nuova versione del Regolamento europeo sulla Sicurezza generale, che renderà obbligatorie dal 2022 nuove tecnologie di sicurezza (una trentina tra cui la scatola nera) per tutti i veicoli in Europa, allo scopo di proteggere passeggeri, pedoni e ciclisti, e nella logica di portare a zero il numero di morti e feriti gravi entro il 2050. Ci può anticipare se questi provvedimenti usciranno tutti come Regolamento europeo (e non come Direttiva), in modo che gli Stati membri saranno obbligati ad attuarli senza dover passare da un Decreto di recepimento?”.

“TA”: “Il regolamento generale sulla sicurezza è ora pubblicato [3] e le sue disposizioni si dividono tra atti di esecuzione e atti delegati. Ciò significa che i nuovi requisiti verranno proposti in questi atti per le nuove funzioni che gli Stati membri dovranno applicare nella loro Legislazione nazionale.

Questo nuovo regolamento di sicurezza generale per i veicoli garantirà che diverse funzioni di sicurezza e di assistenza alla guida, come l’assistenza alla velocità intelligente, la sonnolenza del conducente e l’avviso di attenzione, il mantenimento della corsia di emergenza e la frenata di emergenza avanzata diventino obbligatorie per i nuovi veicoli.

Questo regolamento diventerà applicabile nel 2022 e fornirà inoltre la base giuridica per l’omologazione dei veicoli connessi e automatizzati. Esso autorizza la Commissione ad adottare atti di esecuzione che attengono ai veicoli automatizzati, riguardanti ad esempio la sicurezza informatica dei veicoli e il monitoraggio della disponibilità del conducente o l’installazione di un registratore di dati di eventi per chiarire chi si trovava alla guida (intendendo con questo il veicolo oppure il conducente) in caso di incidente.

Allo scopo di preparare le pertinenti norme di attuazione, la Commissione sta riesaminando tutte le norme tecniche disponibili. In attesa dell’adozione delle misure di attuazione del nuovo Regolamento Generale sulla Sicurezza, nel Febbraio 2019 la Commissione ha trovato un accordo con gli Stati membri sulle linee guida della procedura di esenzione per l’omologazione UE di veicoli automatizzati.

Gli orientamenti forniscono regole che gli Stati membri devono seguire nelle loro valutazioni di sicurezza ad hoc per l’approvazione di tecnologie autonome. Parallelamente, tenendo conto della dimensione globale del settore automobilistico e dell’importanza di sviluppare norme armonizzate per i veicoli sempre più automatizzati, la Commissione promuove gli sforzi, collaborando con Paesi terzi, per adottare rapidamente un nuovo quadro giuridico internazionale sotto l’egida dell’UNECE, come menzionato prima”.

Innovazione
3. Tom Alkim e Ludger Rogger (Commissione Europea) a fianco al veicolo di prova L3Pilot durante la Conferenza EUCAD (Bruxelles, anno 2019). Per ulteriori informazioni si veda www.l3pilot.eu e connectedautomateddriving.eu/eucad2019/
“S&A”: “Quali pensa possano essere le conseguenze del provvedimento di Luglio del Parlamento UE, che ha annullato la tecnologia a corto raggio G5 per passare al CV2X? Se i benefici dei C-ITS non saranno disponibili sul mercato prima di un’ulteriore attesa di qualche anno, il bilancio in termini di morti e feriti per incidenti stradali rischia purtroppo di rimanere inalterato. Qual è la sua opinione in merito?”.

“TA”: “L’obiettivo della Commissione Europea è fare un salto di qualità nella sicurezza stradale. Per raggiungere questo obiettivo, come primo traguardo, la Commissione ha adottato nuove Norme per i sistemi di trasporto intelligenti e cooperativi (C-ITS) sulle strade dell’UE attraverso un Atto Delegato.

A seguito del sostegno del Parlamento Europeo, la Commissione si rammarica dell’obiezione del Consiglio a questo atto delegato sui C-ITS, il cui scopo è salvare vite umane.

Questo può essere fatto collegando tutti gli utenti della strada, tutti i veicoli e tutti i Gestori del traffico per consentire loro di scambiarsi in modo automatico messaggi, condividere informazioni su situazioni potenzialmente pericolose in tempo reale ed evitare incidenti: la cosiddetta sicurezza cooperativa.

I primi a implementare i servizi C-ITS standardizzati da Produttori di veicoli, Autorità stradali e operatori stradali stanno affrontando questo tema su larga scala con la fornitura di servizi C-ITS Day-1 (ad esempio avviso di veicolo fermo, luce dello stop elettronica di emergenza, segnalazione di lavori stradali in corso).

L’implementazione si basa sulla tecnologia WiFi (ITS-G5) per migliorare la sicurezza stradale e ridurre la congestione del traffico riguardante ad oggi i cittadini europei.

L’efficacia dei C-ITS è ottimizzata combinando l’ITS-G5 e le reti cellulari standard come parte di un approccio di comunicazione ibrido, che raggiungerà un numero maggiore di utenti stradali e porzioni maggiori dell’infrastruttura stradale europea.

Ecco il motivo per cui gli Stakeholder europei di C-ITS così come le Autorità stradali, i Gestori, i Produttori di veicoli, l’industria ICT e i settori delle macchine agricole e delle attrezzature ferroviarie sono impegnati congiuntamente sui C-ITS, che si basano su specifiche, standard e tecnologie disponibili, armonizzate e di provata interoperabilità.

Le future innovazioni tecniche in ambito C-ITS sono accolte favorevolmente e dovrebbero essere combinate con tecnologie esistenti e comprovate, integrando l’approccio di comunicazione ibrido definito.

La matura tecnologia wireless ad-hoc ITS-G5 (nessuna necessità di copertura di rete o abbonamenti, in particolare nelle aree rurali) e le reti cellulari (3G/4G) possono quindi essere supportate dai futuri sviluppi del 5G, che forniranno all’Europa ulteriori opzioni di consegna della tecnologia.

Questo approccio neutrale dal punto di vista tecnologico supporterà le due “C” in Mobilità Cooperativa, Connessa e Automatizzata (CCAM) per migliorare la mobilità e in modo più specifico la sicurezza stradale e l’efficienza in Europa”.

Operational Design Domains
4. Tom Alkim, Policy Officer per la Guida automatizzata e connessa presso il Direttorato Generale per la Ricerca e l’Innovazione della Commissione Europea
“S&A”: “La situazione italiana in termini di morti e feriti per incidenti stradali richiede interventi immediati. Sarebbe necessario, ad esempio, iniziare a modificare il Codice della Strada per poter accogliere anche le tecnologie ADAS (Advanced Driver Assistance Systems), ma questo non è ancora stato fatto. Alla luce di un simile scenario, cosa ritiene possa fare l’Italia per accelerare questi processi interni, magari anche con il supporto dell’UE?”.

“TA”: “Una vasta gamma di ADAS è già a disposizione sul mercato per molti veicoli differenti, quindi non c’è bisogno di cambiare la normativa per consentire l’uso di tali sistemi. In ogni caso, l’uso di ADAS è ancora relativamente limitato e forse la loro esistenza e i loro benefici potrebbero essere promossi maggiormente.

Uno studio recente effettuato nei Paesi Bassi ha rivelato ad esempio che il tasso di penetrazione di ACC (in commercio da più di 20 anni) era minore del 3% nella flotta olandese.

Inoltre, la maggior parte degli utenti (all’incirca l’80%) non usava il sistema per tutto il tempo e qualcuno non sapeva nemmeno di avere il sistema a bordo. L’impatto reale degli ADAS può dunque essere addirittura minore di quanto non sembrino indicare i dati di vendita o i tassi di penetrazione”.

“S&A”: “Ci vuole sintetizzare i contenuti della Comunicazione della Commissione in merito alla mobilità connessa e automatizzata, presentata pochi mesi fa?”.

“TA”: “Come parte del Terzo Pacchetto per la Mobilità, la Commissione ha presentato il 17 Maggio 2018 la sua Comunicazione “Sulla strada verso una mobilità automatizzata: una strategia UE per la mobilità del futuro” [4].

Con questa Comunicazione, la Commissione ha proposto una strategia mirata a rendere l’Europa un leader mondiale per i sistemi di mobilità connessa e automatizzata e ha fornito un’ambiziosa agenda per preparare il terreno per un’introduzione ottimale di queste tecnologie. In termini di finanziamenti a ricerca e sviluppo, la Comunicazione ha proposto, fra le altre, le seguenti azioni:

  • sviluppare, in stretta collaborazione con gli Stati Membri e gli Stakeholder, una roadmap che includa un piano concreto per azioni di ricerca e innovazione a breve, medio e lungo termine. Questo è stato fatto e la risultante roadmap STRIA sul trasporto connesso e automatizzato è stata pubblicata nell’Aprile 2019 [5];
  • valutare gli effetti a lungo termine della mobilità automatizzata, in particolare sull’occupazione. Uno studio è stato avviato dal DG RTD nel 2019;
  • istituire un’unica piattaforma a livello UE in grado di raggruppare tutti gli Stakeholder pubblici e privati per coordinare le prove su strade aperte e creare un collegamento con la pre-applicazione. Ciò è stato ottenuto lanciando la piattaforma unica UE per i test su strada aperta di CCAM (Connected, Cooperative & Automated Mobility) nell’estate del 2019;
  • istituire un partenariato nell’ambito del prossimo programma quadro finanziario pluriennale europeo per fornire un chiaro quadro a lungo termine alla pianificazione strategica dei programmi di ricerca e pre-applicazione sulla mobilità senza conducente a livelli UE e nazionali. Questo è attualmente un processo in corso;
  • mettere a disposizione un forum UE per affrontare specifiche questioni etiche sollevate dalla mobilità automatizzata”.
Tom Alkim
5. Dariu Gavrila (TU Delft) e Tom Alkim con il veicolo di prova TU Delft al demo day della Conferenza IEEE IV (Parigi, anno 2019). Per ulteriori informazioni si veda iv2019.org/demonstrations/
“S&A”: “Qual è la sua opinione sulla ricerca che si sta conducendo sulle auto volanti? Ritiene possano avere un impatto significativo sulla mobilità del futuro?”.

“TA”: “Sì, può essere dirompente. La domanda è se lo sarà nel bene o nel male, e questo dipende dalla prospettiva con cui si guarda all’argomento.

Qualche mese fa sono stato alla Conferenza ITS World a Singapore, dove Volocopter, una Compagnia di taxi urbani, ha effettuato il suo primo volo di prova urbano con il suo prototipo su Marina Bay.

Ad ogni modo, se si considera la quantità di energia aggiuntiva necessaria per trasportare massa (che si tratti di una persona o di un pacco) attraverso l’aria rispetto a quella occorrente su strada, mi chiedo quanto questo sia sostenibile. Tuttavia, non sono un esperto in questo campo, quindi dovrei tenere i piedi per terra per quanto riguarda le previsioni sui veicoli volanti…”.

“S&A”: “Dai Media si sente spesso parlare delle preoccupazioni sulla guida automatizzata legate al cosiddetto dilemma del carrello in cui un veicolo automatizzato, di fronte a un incidente imminente, deve prendere una decisione su chi o cosa colpire (ci sono molte varianti) al fine di mitigare l’impatto dell’incidente. La Commissione Europea tiene conto di questi aspetti?”.

“TA”: “La Commissione Europea è fortemente impegnata a sostenere la diffusione di tecnologie di guida connessa e automatizzata in Europa, aiutando a fornire il giusto inquadramento giuridico, etico e normativo.

Allo scopo di gestire adeguatamente la transizione verso la mobilità connessa e automatizzata, abbiamo bisogno di prestare grande attenzione alle principali questioni sociali, etiche e ambientali, che sono essenziali per l’accettazione e per la fiducia da parte del pubblico.

Le considerazioni etiche e i valori morali condivisi possono essere utilizzati per plasmare una forte visione futura per la guida connessa e automatizzata, e dovrebbero essere intese come stimolo e opportunità di innovazione, non come impedimenti e barriere.

Pertanto deve esserci un quadro etico realistico e pragmatico, pronto a sostenere tutti gli Stakeholder interessati nei vari stadi della progettazione, dello sviluppo e dell’adozione della guida connessa e automatizzata.

Come accennato precedentemente, nella sua comunicazione “Sulla strada verso la mobilità automatizzata: una strategia dell’UE per la mobilità del futuro”, la Commissione Europea ha annunciato la creazione di un Gruppo di Esperti dedicato per affrontare specifiche questioni etiche sollevate dalla guida connessa e automatizzata: questo è stato fatto nel Giugno 2019.

ITS
6. La rappresentazione visiva degli ODD limitati

I compiti principali di tale gruppo sono di stimolare una discussione a livello europeo e su un piano interdisciplinare, al fine di fornire supporto pratico agli Stakeholder interessati e assistere i responsabili delle politiche e i Progettisti nella transizione sicura, sostenibile ed efficiente verso la mobilità connessa e automatizzata. Il Gruppo è composto da 14 Esperti altamente qualificati, che lavorano in modo indipendente e nell’interesse pubblico.

Questi Esperti provenienti da tutta Europa sono specializzati nel campo dell’etica e della guida connessa e automatizzata. La prima riunione formale del Gruppo di Esperti si è svolta a Giugno 2019, ed entro il Giugno 2020 è prevista una relazione finale contenente raccomandazioni ed eventualmente linee guida etiche per lo sviluppo della mobilità connessa e automatizzata nell’Unione Europea”.

“S&A”: “Vuole darci una descrizione dei concetti chiave della guida connessa e automatizzata, a cominciare dagli Operational Design Domains?”.

“TA”: “La Society of Automotive Engineers (SAE) ha pubblicato nel 2013 (e aggiornato due volte a partire da allora) un rapporto che definisce i concetti chiave relativi alla crescente automazione dei veicoli su strada. Al centro ci sono i sei livelli di automazione della guida:

  • 0 (nessuna automazione della guida);
  • 1 (assistenza alla guida);
  • 2 (automazione parziale della guida);
  • 3 (automazione condizionale della guida);
  • 4 (elevata automazione della guida);
  • 5 (automazione completa della guida).

Questi livelli con le relative descrizioni, i ruoli correlati del sistema automatizzato e del conducente umano in Object and Event Detection and Response (OEDR) e il Dynamic Driving Task di back-up (DDT), così come gli Operational Design Domains (ODD), sono riassunti in Figura 6 sopra.

Allo scopo di descrivere i limiti in base ai quali il sistema di guida automatizzato può funzionare come previsto, SAE ha introdotto il concetto di Operational Design Domain (ODD). Il termine definisce i limiti della funzionalità del sistema a un certo livello di automazione, ad esempio un particolare ambiente stradale.

Con il concetto di livelli di automazione e ODD, i casi rilevanti possono essere distinti come segue: l’automazione di livello 2 si applica ai sistemi di autopilot con supervisione permanente da parte del conducente, ad esempio per gli ODD di un’autostrada che sono disponibili allo stato attuale sul mercato.

L’automazione di livello 3 significherebbe il prossimo passo per portare il conducente al di fuori dell’attività di percezione e risposta, ma mantenendolo come una soluzione di back-up per l’attività di guida dinamica.

Al contrario, il livello 4 significherebbe che esiste un sistema di back-up ma in un ODD limitato, mentre per il livello 5 l’ODD sarebbe illimitato. Per i livelli da 1 a 4, l’ODD per definizione è limitato.

I confini non dipendono solo dalla tecnologia abilitante del veicolo stesso ma anche da fattori esterni, come l’infrastruttura fisica e digitale, il traffico e le condizioni meteorologiche.

automazione
7. I livelli di automazione definiti da SAE

Una rappresentazione visiva del concetto di ODD viene data nella Figura 7, in cui un conducente lascia la sua destinazione in un veicolo automatizzato (ovvero con funzionalità di livello 4 progettate per le autostrade) e guidandolo manualmente fino all’autostrada.

Là, sulla rampa di immissione, si verifica una transizione di controllo (ToC) e il veicolo può continuare il viaggio in modalità automatizzata, consentendo al conducente di sedersi e rilassarsi fino al raggiungimento della rampa di uscita designata.

Qui avviene un’altra ToC e il conducente continua il viaggio in modalità manuale fino a raggiungere la destinazione. Sfortunatamente, questa è una rappresentazione teorica nella maggior parte delle situazioni.

Nella realtà, una combinazione di fattori come la tecnologia abilitante in un veicolo (sensori, hardware, software, ecc.) e molti fattori esterni, come le condizioni del traffico, le condizioni stradali e le condizioni meteorologiche, influiscono sulla forma e sulle dimensioni dell’ODD.

Questo porta a “lacune” nell’ODD (Figura 8). Ciò significa che ci sono diverse parti interessate da coinvolgere per determinare le caratteristiche specifiche di un ODD.

Un Costruttore di automobili non può garantire, in generale, che un veicolo di livello 4 possa sempre guidare in modalità di livello 4, ma solo all’interno dell’ODD. Analogamente, un operatore stradale non sarebbe in grado di offrire una strada sulla quale sia garantito che un veicolo di livello 4 possa sempre guidare in modalità di livello 4, perché fattori al di fuori della sua portata di controllo (come condizioni meteorologiche avverse) possono impedirlo”.

Smart mobility
8. La rappresentazione visiva degli ODD nella pratica

Bibliografia

  1. Dichiarazione di Amsterdam – https://www.government.nl/topics/mobility-public-transport-and-road-safety/question-and-answer/what-is-the-declaration-of-amsterdam-on-selfdriving-and-connected-vehicles.
  2. European Truck Platooning Challenge – https://platooningensemble.eu/.
  3. Pubblicazione del regolamento di sicurezza generale (EU 2019/2144) – https://eur-lex.europa.eu/legal-content/EN/TXT/PDF/?uri=OJ:L:2019:325:FULL&from=EN.
  4. Comunicazione “Sulla strada verso la mobilità automatizzata: una strategia UE per la mobilità del futuro” (COM(2018) 283 final) – https://eur-lex.europa.eu/LexUriServ/LexUriServ.do?uri=COM:2018:0283:FIN:EN:PDF.
  5. STRIA roadmap sul Trasporto Connesso e Automatizzato – https://ec.europa.eu/research/transport/pdf/stria/stria-roadmap_on_connected_and_automated_transport2019-TRIMIS_website.pdf.

Curriculum Vitae di Tom Alkim

Tom Alkim è il Policy Officer per la Guida Automatizzata e Connessa presso l’unità Sistemi Urbani e di Mobilità del Futuro del Direttorato Generale per la Ricerca e l’Innovazione.

Ha oltre 20 anni di esperienza nei campi di ITS, C-ITS e Guida Automatizzata e ha rappresentato costantemente un elemento determinante per il Ministero Olandese delle Infrastrutture e della Gestione dell’Acqua nella Rijkswaterstaat, il Gestore stradale nazionale.

Alkim ha fatto parte del team centrale responsabile per la Dichiarazione di Amsterdam e la European Truck Platooning Challenge nel corso della Presidenza olandese dell’UE nel 2016.

Attualmente lavora con la Commissione Europea sull’avanzamento della Guida Connessa e Automatizzata in un modo responsabile per ottenere benefici a livello sociale. In questa veste:

  • è stato co-organizzatore della Seconda Conferenza Europea sulla Guida Connessa e Automatizzata (è stato co-organizzatore della Seconda Conferenza Europea sulla Guida Connessa e Automatizzata (connectedautomateddriving.eu/eucad2019);
  • è Presidente del gruppo di lavoro su Coordinazione & Cooperazione di Ricerca e Innovazione e attività di prova nella Piattaforma Unica per i Test su Strade Aperte CCAM (Connected, Cooperative and Automated Mobility) della UE;
  • è coinvolto nella creazione e facilitazione di un gruppo di Esperti che forniscono consulenza alla Commissione Europea su specifici problemi etici sollevati dalla guida automatizzata.

  For English version: https://www.stradeeautostrade.it/en/front-page-interviews/tom-alkim-the-man-who-works-for-the-autonomous-drive-in-europe/

>  Se questo articolo ti è piaciuto, iscriviti alla Newsletter mensile al link http://eepurl.com/dpKhwL  <