Condividi, , Google Plus, LinkedIn,

Stampa

Pubblicato in:

Il raddoppio del traforo stradale del San Gottardo

La seconda canna sarà realizzata 70 m a Est del tunnel esistente e dovrebbe essere percorribile dal 2027

sfondo gottardo

La galleria stradale del San Gottardo è l’opera principale dell’autostrada svizzera A2, che collega Chiasso e il confine italiano con Basilea, al confine tedesco. Venne inaugurata il 5 Settembre 1980, e all’epoca era il più lungo tunnel stradale del mondo, con i suoi 16.942 m di estesa: record che detenne fino all’inaugurazione della galleria norvegese del Lærdal (24.510 m), avvenuta nel Novembre 2000.

Il fatto che si parli di galleria stradale nell’ambito di un’autostrada lascia già intuire quale sia il problema principale del San Gottardo: il traforo infatti è a canna singola con traffico bidirezionale.

  • carreggiata
    1 gottardo
    Al portale Nord di Göschenen si percorrono circa 400 m a doppia carreggiata
  • gottardo
    2A gottardo
    La nuova canna sarà situata 70 m a Est del traforo esistente
  • traforo
    2B gottardo
    La nuova canna sarà situata 70 m a Est del traforo esistente
  • San Gottardo
    3 gottardo
    La sezione della seconda canna del San Gottardo
  • smarino
    4 gottardo
    Il profilo geologico
  • Geologia
    5 gottardo
    La gestione dello smarino
  • ripristino
    6 gottardo
    La zona di ripristino delle rive del Lago di Uri
  • Uri
    7 gottardo
    La sezione dell’intervento di valorizzazione ad Airolo
  • Airolo
    8A gottardo
    La situazione attuale e quella prevista a fine intervento allo svincolo di Airolo. Si nota la scomparsa del viadotto di Albinengo (400 m) di collegamento con la N2
  • Albinengo
    8B gottardo
    La situazione attuale e quella prevista a fine intervento allo svincolo di Airolo. Si nota la scomparsa del viadotto di Albinengo (400 m) di collegamento con la N2
  • Galleria
    9 gottardo
    Il cronoprogramma per la realizzazione della seconda canna

Lo stillicidio di incidenti, quasi sempre per urti fronto-laterali e spesso con conseguenze letali per gli utenti, ha portato nel tempo a una serie di misure basate sulla gestione del traffico.

Oltre al divieto di sorpasso, la velocità massima consentita è fissata a 80 km/ora (eventualmente modificabile a 60 km/ora tramite PMV), ed è fissata un’interdistanza minima di 50 m tra i veicoli e di 150 tra i mezzi pesanti.

Il contingentamento dei mezzi pesanti nelle aree precedenti i due portali di Airolo e di Göschenen (cosiddetto dosaggio a contagocce, operativo dal 2002) causa spesso numerose code che si ripercuotono sulla fluidità del traffico.