Condividi, , Google Plus, LinkedIn,

Stampa

Pubblicato in:

Tritone: un microsimulatore per la valutazione dell’inquinamento acustico

L’algoritmo di simulazione del comportamento dei veicoli ampliato per tener conto del calcolo del livello sonoro equivalente in funzione delle formulazioni attualmente conosciute in ambito scientifico e adottate comunemente per la valutazione dell’inquinamento acustico

Il livello sonoro equivalente

Per far fronte al crescente inquinamento acustico molte nazioni come l’EU (2002/49/EC), gli USA (FHWA), la Russia (ODM 218.013-2011), il Giappone (ASJ RTN-Model 2008), la Cina (HJ2 4-2009), ecc., hanno iniziato a imporre limiti precisi per la salvaguardia della salute umana. Lo studio dell’inquinamento acustico avviene attualmente calcolando il livello sonoro equivalente attraverso una delle molteplici formulazioni matematiche disponibili e confrontandolo con i livelli di soglia imposti dalle leggi nazionali. Lo sviluppo di questi modelli iniziò intorno agli anni Cinquanta tenendo conto principalmente dei flussi di traffico, sia di veicoli leggeri e che pesanti.

Oggi esistono soluzioni più complesse che valutano anche le amplificazioni del suono e le attenuazioni attraverso lo studio di ulteriori caratteristiche come la tipologia del manto stradale, la topografia del terreno, gli elementi presenti ai bordi delle strade come muri o barriere anti-rumore, le condizioni meteorologiche, la rifrazione del suono sugli edifici, ecc.. La rumorosità prodotta dai veicoli ha diverse origini: motore, resistenza dell’aria, rotolamento degli pneumatici, motorizzazioni accessorie (impianto di condizionamento, ventola del radiatore, ecc.), nonché l’azionamento dei freni.

Questo tipo di inquinamento dipende però anche dalla superficie stradale, in particolare dalla tessitura e dalla porosità. Inoltre, la rumorosità di un veicolo dipende anche dallo stile di guida del conducente, dalle condizioni di circolazione e dalle condizioni meteorologiche. Il fono-inquinamento dovuto al traffico stradale viene usualmente misurato tramite il livello sonoro continuo equivalente Leq, parametro generalmente adottato dalle normative internazionali come il maggiormente rappresentativo del fenomeno acustico legato al transito dei veicoli. Il livello continuo equivalente rappresenta una media energetica dei livelli di pressione sonora istantanea che si verificano in un determinato intervallo di tempo.

I modelli statistici per la valutazione del rumore da traffico stradale sono principalmente di due tipi, modelli semplificati e modelli con fattori correttivi. I modelli semplificati sono ottenuti per via regressiva e forniscono il livello sonoro in funzione delle caratteristiche del flusso veicolare. Generalmente, l’indice acustico a cui fanno riferimento i modelli previsionali sono i livelli statistici cumulativi L10, L50 e L90, e il livello sonoro continuo equivalente, ponderato in scala A (LAeq).