Condividi, , Google Plus, LinkedIn,

Stampa

Campioni in cerca d’autore

Il ruolo della Direzione Lavori e dei laboratori di parte terza: dall’affidabilità delle attività di controllo e di prelievo in cantiere (rappresentatività dei campioni che pervengono in laboratorio/attendibilità dei risultati di prova) alla verifica della conformità ai requisiti contrattuali e normativi applicabili (accettazione dei materiali in cantiere)

sfondo pugliaro

La fornitura e la posa in opera di terre da cave di prestito (rilevati stradali)

Qualora il Personale incaricato della Direzione Lavori riscontri – nell’ambito della normale attività di ispezione e sopralluogo in cantiere per la verifica dello stato di avanzamento dei lavori – la presenza di forniture di materiali non approvati e/o non identificati e/o non idonei (ad esempio, inidoneità per elevata plasticità) occorre:

  • sospendere i lavori ed eseguire, in presenza dell’Impresa e del laboratorio incaricato delle prove, un campionamento accurato di tali forniture (compreso il materiale eventualmente già in opera) per l’esecuzione di tutte le prove necessarie alla verifica dei requisiti contrattuali (ad esempio, la classificazione AASHTO M-145, il CBR, il rigonfiamento AASHTO T-193 e il proctor AASHTO T-180);
  • ordinare al Personale presente in cantiere di procedere alla delimitazione delle aree/forniture non idonee in modo da renderle facilmente distinguibili da quelle idonee ed evitare contaminazioni;
  • verificare, dalla documentazione presente in cantiere presso il Personale responsabile di gestire e controllare gli approvvigionamenti dei materiali, la provenienza esatta delle forniture in questione;
  • informare l’Impresa che i lavori di stesa e compattazione degli strati del corpo del rilevato potranno riprendere solo dopo aver eseguito tutte le prove di laboratorio di cui al punto precedente e dopo aver rimosso i materiali non idonei (cumuli di stoccaggio e materiale in opera/strati). Le attività di cui ai punti precedenti (identificazione e campionamento dei materiali in cantiere + prove di laboratorio + delimitazione dei materiali non idonei e rimozione del materiale non idoneo) devono ovviamente essere soggette ad ispezione e ad approvazione da parte della Direzione Lavori (secondo le normali procedure di gestione delle non conformità);
  • successivamente, dopo aver rimosso i materiali non idonei, i lavori potranno proseguire solo con nuove forniture di materiali correttamente identificati/provenienti da cave di prestito approvate, soddisfacenti a seguito delle ispezioni visive delle diverse consegne e soggetti, pertanto, al normale controllo qualità (campionamenti e prove di laboratorio) da eseguirsi secondo le modalità e le frequenze minime stabilite dalle Norme tecniche contrattuali.