Condividi, , Google Plus, LinkedIn,

Stampa

Pubblicato in:

Campioni in cerca d’autore

Il ruolo della Direzione Lavori e dei laboratori di parte terza: dall’affidabilità delle attività di controllo e di prelievo in cantiere (rappresentatività dei campioni che pervengono in laboratorio/attendibilità dei risultati di prova) alla verifica della conformità ai requisiti contrattuali e normativi applicabili (accettazione dei materiali in cantiere)

sfondo pugliaro

Tutte le consegne di calcestruzzo devono essere identificate mediante un documento di trasporto contenente, come minimo, le seguenti informazioni:

  • nome e ubicazione esatta dell’impianto di betonaggio;
  • numero progressivo del documento;
  • numero dell’autobetoniera o identificativo del veicolo di trasporto;
  • nome e ubicazione del cantiere;
  • codice di riferimento del mix-design approvato, classe di resistenza, classe di consistenza o valore di riferimento con la relativa tolleranza e dimensione massima nominale dell’aggregato;
  • giorno e ora del carico, ovvero ora del primo contatto tra acqua e cemento;
  • ora di arrivo del calcestruzzo in cantiere;
  • ora di inizio scarico;
  • ora di fine scarico;
  • quantità di calcestruzzo in metri cubi.

Al fine di confermare il rispetto delle quantità dei materiali componenti previste dai mix-design approvati (aggregati, cemento, acqua, additivo/i, aggiunte) e delle relative tolleranze di impasto, per ogni carico consegnato (quantità di calcestruzzo, comprendente uno o più impasti, trasportata in una autobetoniera) deve, inoltre, essere disponibile un documento contenente indicazioni dettagliate relative al tipo e alla quantità dei materiali componenti presenti (stampa di carico).

In aggiunta ai campionamenti e alle prove di laboratorio (da effettuare con le frequenze previste dalle Norme tecniche contrattuali) è chiaro che per garantire i requisiti di resistenza meccanica e durabilità (delle opere) richiesti, il Personale della Direzione Lavori presente in cantiere durante i getti non deve limitarsi all’ispezione dei documenti di consegna e ad indirizzare i campionamenti e le prove da parte dei tecnici di laboratorio, ma deve verificare che a ogni consegna non siano presenti fenomeni quali segregazione, essudazione, perdita di pasta, perdita eccessiva di lavorabilità o altro, rifiutando le consegne ritenute non idonee a seguito dell’ispezione visiva e/o provvedendo all’esecuzione di campionamenti aggiuntivi.