Condividi, , Google Plus, LinkedIn,

Stampa

Pubblicato in:

Il rilievo automatico delle caratteristiche superficiali delle pavimentazioni

I risultati dell’attività di rilievo condotta in via sperimentale su una porzione

sfondo dynatest
Le specifiche tecniche dell’equipaggiamento del MFV

Il Multi Functional Vehicle utilizzato per le indagini svolte sulla rete urbana comunale è stato equipaggiato con cinque componenti principali, di cui si riportano sinteticamente le principali caratteristiche tecniche e prestazionali:

  • le due telecamere INO LCMS sono ubicate nella parte posterioredel veicolo e sono configurate per rilevare una sezione trasversale della pavimentazionedi larghezza fino a 4 m, acquisendo le coordinate geometriche di 4.096 punti, con un passo di campionamento trasversale pari a 1 mm e la risoluzione verticale pari a 0,5 mm. La frequenza longitudinale di rilievo consente di ottenere per velocità non superiori a 80 km/ora un passo di campionamento pari a 2,5 mm. I dati acquisiti dal sistema LCMS sono l’input per le successive elaborazioni volte alla determinazione del Pavement Condition Index (PCI) secondo le prescrizioni della Normativa ASTM 6433;
  • la barra profilometrica Road Surface Profiler (Dynatest RSP-5051 Mark III) nella configurazione con 17 sensori laser è ubicata nella parte anteriore del veicolo (Figura 3) ed è in grado di rilevare il profilo della pavimentazione con una risoluzione verticale di 0,1 mm e una frequenza di campionamento pari a 16 kHz, la quale consente, con passo di campionamento di 2,5 mm, la valutazione della regolarità longitudinale e trasversale mediante la determinazione di parametri quali International Roughness Index (IRI) e Rut Depth (RD). Per l’acquisizione della macrotessitura e la successiva determinazione del parametro Estimated Texture Depth (ETD) è richiesto un passo di campionamento pari a 1 mm (UNI EN ISO 13473-1), consentito dalla presenza di un laser con frequenza pari a 62,5 kHz. Con queste caratteristiche la strumentazione laser risulta essere di classe 1 secondo le Norme di riferimento del settore;
  • la fotocamera frontale ad alta definizione consente l’acquisizione di immagini con un passo di campionamento di 1 m. Le informazioni fotografiche consentono, solo se raccolte nelle ore diurne, la visualizzazione del punto di indagine e una ulteriore valutazione visiva delle anomalie presenti sulla pavimentazione;
  • il sistema di georeferenziazione con correzione differenzialedella localizzazione è corredato di una piattaforma inerziale con giroscopio digitale (“Inertial Motion Sensor” – IMS), e permette il posizionamento in qualsiasi momento del veicolo rispetto l’orizzonte, nonché di calcolarne l’inclinazione longitudinale e trasversale, e conseguentemente di verificare gli angoli di curvatura e i parametri geometrici dell’infrastruttura;
  • Distance Measurement Instrument (DMI).