Condividi, , Google Plus, LinkedIn,

Stampa

Pubblicato in:

Il rilievo automatico delle caratteristiche superficiali delle pavimentazioni

I risultati dell’attività di rilievo condotta in via sperimentale su una porzione

sfondo dynatest
I software utilizzati per l’elaborazione dei dati

Per lo studio delle caratteristiche superficiali delle pavimentazioni e per la restituzione degli indici sintetici precedentemente introdotti sono stati utilizzati i seguenti software:

  • LCMS Road Inspect, prodotto dalla Pavemetrics, in grado di individuare l’ammaloramento sulla pavimentazione e associare ad esso alcune informazioni, quali lunghezza, livello di severità e coordinate GPS;
  • Dynatest Explorer (DE), prodotto dalla Società Dynatest, per la gestione e la visualizzazione dei dati acquisiti mediante profilometro laser e telecamere LCMS. In particolare, attraverso l’utilizzo dello specifico modulo “Dynatest Crack Detection” (DCD), è possibile classificare gli ammaloramenti individuati in base a alla tipologia e al livello di severità e valutare le condizioni superficiali delle pavimentazioni mediante il calcolo dell’indice PCI, in accordo con le prescrizioni contenute nella Normativa ASTM.
I risultati della campagna rilievo sperimentale con MFV

L’elaborazione dei dati LCMS con le modalità precedentemente specificate ha consentito di calcolare, secondo Norma, il PCI sulle infrastrutture indagate. Dalla restituzione grafica del dato si evincono le sezioni che presentano pessime condizioni superficiali e quali mediamente accettabili.

Di seguito si riportano i risultati delle indagini ottenuti sulle tre diverse infrastrutture:

  • Via ALFA, strada di scorrimento urbano;
  • Via BETA, strada inter-quartiere;
  • Via GAMMA strada di quartiere, indagate per uno sviluppo rispettivamente di 12000 m, 1.200 e 1.700 m.