Condividi, , Google Plus, LinkedIn,

Stampa

Pubblicato in:

Pavimentazioni per nuove aree di sosta nell’aeroporto di Orio al Serio

Nell’ambito del piano di sviluppo dell’aeroporto di Milano Bergamo, la cordata di Imprese formata da Artifoni SpA, Impresa Milesi geom. Sergio Srl, Imemont Srl e Enneci Srl si è aggiudicata l’appalto per “L’ampliamento del piazzale Nord in direzione Est” per un importo di circa 11.000.000 Euro. Le opere rientrano nello scenario di pianificazione a lungo termine di S.A.C.B.O. SpA finalizzato a soddisfare i crescenti fabbisogni infrastrutturali e ottimizzare la funzionalità dello scalo. Tra le varie opere previste nell’appalto, la fornitura, la stesa e i controlli in opera dei calcestruzzi e dei conglomerati bituminosi sono stati affidati alla Mandante Impresa Milesi geom. Sergio Srl

I controlli e le prove di laboratorio

I controlli in opera relativi alla pavimentazione in calcestruzzo venivano eseguiti con cadenza giornaliera. Il piazzale è diviso in quattro fasce da 100 m di lunghezza ciascuna, e ogni 100 m è presente un giunto di dilatazione: a ogni strisciata veniva effettuato un prelievo sia dei travetti per prove a flessione che di cubetti per prove a compressione da parte del laboratorio interno Milesi, che si occupava anche della conservazione dei provini in acqua secondo Normativa.

Parte delle prove sono state svolte dal laboratorio dell’Azienda in presenza della direzione lavori, mentre per quelle di resistenza a flessione e compressione veniva inviato tutto il materiale a un laboratorio esterno, LTM Srl di San Giuliano Milanese.

Le prove di piastra fisiche in sito fornivano infatti un esito immediato, richiedendo soltanto un conteggio; viceversa, quelle che avevano bisogno di asciugatura in laboratorio o altre pesate, necessitavano di circa una decina di giorni per l’invio del risultato.

Le prove del calcestruzzo del lastronato a compressione e flessione, portato a rottura nel 28° giorno, venivano certificate entro una settimana da LTM. Provengono dallo stabilimento Milesi di Brusaporto (BG) anche i calcestruzzi impiegati per la prefabbricazione in situ di camerette idrauliche, solette e vasche, da parte della Ditta di carpenteria.

Si è trattato di una fornitura separata di calcestruzzo RCK 40, anche in questo caso con prelievo giornaliero di cubetti per il successivo invio al laboratorio P&P Lmc Srl di Seriate.

Gli interventi di raccordo e di completamento

Completano l’intervento le fasce antipolvere a Nord e a Sud, realizzate esternamente alle vie di rullaggio e raccordate col terreno esistente, quest’ultimo livellato con la lama e poi stabilizzato a cemento utilizzando sempre la Wirtgen WR 2400, prima di procedere all’idrosemina.

Le fasce antipolvere hanno una stratigrafia differente dagli altri pacchetti di pavimentazione, con altri spessori (6 cm di binder e 4 cm di tappeto di usura) e l’assenza dello strato di misto cementato.