Condividi, , Google Plus, LinkedIn,

Stampa

Pubblicato in:

Il terzo pacchetto Mobilità

La Commissione ha lanciato la terza e ultima serie di azioni volte a modernizzare il sistema europeo dei trasporti

sfondo camnasio

A tal fine, le iniziative comprendono una politica integrata per il futuro della sicurezza stradale che prevede misure di sicurezza per i veicoli e le infrastrutture, le prime Norme in materia di emissioni di CO2 per i veicoli pesanti, un piano d’azione strategico per lo sviluppo e la produzione di batterie in Europa e una strategia innovativa sulla mobilità connessa e automatizzata.

Con il terzo pacchetto “L’Europa in movimento”, la Commissione completa la sua ambiziosa agenda per la modernizzazione della mobilità (si veda “S&A” n° 131 Settembre/Ottobre 2018).

In dettaglio, il pacchetto comprende:

  • una comunicazione che delinea un nuovo quadro strategico per la sicurezza stradale per il periodo 2020-2030, accompagnata da due iniziative legislative in materia di sicurezza dei pedoni e dei veicoli e di gestione della sicurezza delle infrastrutture;
  • una comunicazione specifica sulla mobilità connessa e automatizzata per fare dell’Europa un leader mondiale nel settore dei sistemi di mobilità autonomi e sicuri;
  • iniziative legislative relative alle Norme sulle emissioni di CO2 per i veicoli pesanti, all’aerodinamicità di tali veicoli, all’etichettatura degli pneumatici e a una metodologia comune per il raffronto dei prezzi dei carburanti, accompagnate da un piano d’azione strategico per le batterie. Tali misure ribadiscono l’obiettivo dell’Unione europea di ridurre le emissioni di gas serra dovute ai trasporti e di rispettare gli impegni sottoscritti nell’accordo di Parigi;
  • due iniziative legislative che istituiscono un ambiente digitale per lo scambio di informazioni nel settore dei trasporti;
  • un’iniziativa legislativa per snellire le procedure di autorizzazione dei progetti relativi alla rete centrale transeuropea dei trasporti (TEN-T).

Nel corso dei prossimi 12 mesi, la Commissione intende aumentare il numero di misure legislative, in particolare nei settori delle emissioni nocive degli autoveicoli e dei veicoli utilitari. In merito Violeta Bulc, Commissaria ai Trasporti, ha dichiarato: “Nel corso dell’anno passato la Commissione ha presentato iniziative volte ad affrontare le sfide di oggi e a spianare la strada alla mobilità di domani.

Le misure odierne rappresentano un ultimo e importante passo in avanti per consentire ai cittadini europei di beneficiare di trasporti sicuri, puliti e intelligenti. Invito gli Stati membri e il Parlamento a rispettare questo livello di ambizione”.