Condividi, , Google Plus, LinkedIn,

Stampa

Pubblicato in:

Il software RotaCalc per analizzare le rotatorie

Un progetto di rotatoria che non rispetti gli standard normativi e di conformità tra elementi geometrici può nascondere un peggioramento delle condizioni di sicurezza e aumentare la probabilità degli incidenti o la loro gravità: SCI3000 mette a punto un sistema per verificare se e quanto sarà efficiente la nuova intersezione

I Progettisti di Enti pubblici o Studi privati possono da oggi contare sull’utilissimo strumento software, denominato RotaCalc e disponibile sul sito SCI3000, che offre la possibilità – una volta rilevati i flussi di traffico sull’intersezione – di effettuare varie verifiche funzionali che mostrano se e quanto sarà efficiente la nuova intersezione a rotatoria, ovvero se e in che termini riuscirà a smaltire i flussi di traffico presenti o attesi sull’intersezione. In particolare, RotaCalc consente di calcolare – con i metodi Kimber, Svizzero, Setra e Cetur – ma a breve anche con il metodo HCM 2010:

  • la capacità di ogni entrata, ovvero, per ogni ramo di ingresso, il più piccolo valore del flusso che determina la presenza permanente di veicoli in attesa di immettersi;
  • la capacità semplice, che individua quel valore di flusso massimo che si può avere in entrata da ciascun ramo nell’istante in cui uno di essi si satura, ovvero la somma della capacità d’entrata dei rami afferenti la rotatoria, allorché, per un aumento uniforme dei flussi della matrice O/D, uno dei rami risulta in condizioni di saturazione;
  • la capacità totale, che è la somma delle capacità d’entrata dei rami afferenti la rotatoria, allorché, per un aumento uniforme dei flussi della matrice O/D, tutti i rami risultano in condizioni di saturazione.

Inoltre RotaCalc effettua già adesso, secondo quanto previsto dall’HCM 2010, il calcolo di:

  • tempi di attesa medi per l’ingresso in rotatoria da ciascun ramo;
  • livello di servizio (LoS) di ogni ramo (da A a F);
  • 95° percentile della lunghezza della coda (in metri e in veicoli).

Attraverso una semplice interfaccia grafica, il Tecnico inserisce in input su RotaCalc i flussi di traffico e altre caratteristiche della rotatoria utilizzate da tutti i metodi o comunque necessarie per una descrizione completa della stessa. Una volta scelto (in base alle dimensioni e alla collocazione, urbana o extraurbana, della rotatoria) e selezionato il metodo da utilizzare sarà possibile, se necessario, aprire un’ulteriore maschera per l’inserimento di ulteriori parametri geometrici richiesti dal metodo scelto.

Condividi, , Google Plus, LinkedIn,