Condividi, , Google Plus, LinkedIn,

Stampa

Pubblicato in:

Leadership e attività di verifica della conformità nelle Norme ISO

Inspection and test PLAN/ITP nelle Norme ISO sui sistemi di gestione delle organizzazioni ISO 9001 (qualità) e ISO 37001 (prevenzione della corruzione)

sfondo pugliaro

La corruzione comporta una mancanza di risorse che, nell’ambito delle opere di ingegneria civile, significa luoghi di lavoro meno sicuri, minore attenzione per l’ambiente e qualità dei materiali e delle opere inferiori alle attese.

È di particolare interesse, soprattutto per le Aziende che operano in Paesi in via di sviluppo dove la corruzione è un fenomeno “culturale” largamente diffuso, la Norma ISO 37001, la quale rappresenta il riferimento ISO per le Aziende che, al fine di garantire la conformità delle attività svolte in presenza di tale problematica, sono tenute ad attuare misure volte a prevenirne o a gestirne gli effetti.

  • calcestruzzo
    1 pugliaro
    Provini per limite di ritiro delle terre
  • terre rinforzate
    2 pugliaro
    La prova di compressione su calcestruzzo indurito
  • test
    3 pugliaro
    Il quadro comandi di un impianto di betonaggio
  • laboratorio
    4 pugliaro
    Provini per la misura della percentuale di rigonfiamento e dell’indice di portanza CBR delle terre dopo quattro giorni di imbibizione in acqua

Per gli aspetti tecnici relativi, ad esempio, alla fornitura e posa in opera di materiali stradali, le Organizzazioni dotate di sistemi di gestione per la qualità allineati ai requisiti della ISO 9001 non devono fare altro che valutare se e in che misura i controlli, le procedure e i documenti già esistenti soddisfino i requisiti della ISO 37001 ed, eventualmente, integrare le procedure del sistema qualità esistenti con controlli aggiuntivi in funzione delle criticità rilevate.

Direzioni Lavori dotate di leadership deboli e inaffidabili, incapaci di svolgere il proprio ruolo di guida e coinvolgimento nell’ambito dei vari processi in applicazione dei requisiti previsti, unitamente alla presenza di procedure di controllo non adeguate alle specificità dei cantieri e/o evidenze di supporto (documenti di registrazione) incompleti e/o equivoci sono, in generale, da considerare chiari segnali di un sistema di gestione delle attività di controllo e verifica non in grado di assicurare e dimostrare la piena conformità, in opera, dei materiali ai requisiti previsti dalle Norme tecniche contrattuali.

In particolare, laddove le problematiche connesse ai fenomeni corruttivi rappresentano un rischio non trascurabile, tale situazione può, infine, favorire lo sviluppo di bad practices ad ulteriore discapito della qualità e sicurezza delle opere.