Condividi, , Google Plus, LinkedIn,

Stampa

Pubblicato in:

Cantieri autostradali svizzeri più sicuri

Dal 1° Gennaio 2018 la nuova Norma concepita dall’Ufficio Federale delle Strade (Ustra) mira in primis a migliorare la sicurezza generale delle aree interessate, ma anche a fluidificare il traffico e a ridurre ulteriormente le code

sfondo svizzera

In termini di sicurezza, il cantiere diurno pone una sfida particolare, in quanto i sistemi non possono, per definizione, avere la complessità di quelli adottati negli interventi di lunga durata: si rivela quindi basilare l’impiego di una segnaletica accurata, chiara e omogenea sull’intera rete delle strade nazionali. La nuova Norma viene applicata ai cantieri di breve durata a partire dal 1° Gennaio 2018.

I cantieri di manutenzione sono fissi e vengono allestiti per un lungo periodo, nella maggior parte dei casi per progetti di rinnovamento e sistemazione: pertanto, i requisiti degli sbarramenti sono nettamente più severi. Nella maggior parte dei casi infatti un cantiere di lunga durata condiziona la viabilità in modo sostanziale e per un periodo di tempo prolungato. La Norma viene applicata dal 1° Gennaio 2018 per la pianificazione dei nuovi cantieri di lunga durata, mentre per quelli progettati antecedentemente a tale data vale ancora il vecchio testo.

Altri adeguamenti di ordinanze nel settore della circolazione stradale

Ulteriori novità nel settore della circolazione riguardano i requisiti dei veicoli stradali, che il Consiglio Federale intende allineare ai nuovi standard di sicurezza e ambientali dell’Unione Europea (UE). Le modifiche proposte puntano a semplificare le procedure di immatricolazione nonché a migliorare e uniformare agli standard europei la sicurezza e le Norme di tutela ambientale dei veicoli stradali.

L’UE ha aggiornato i requisiti tecnici per i veicoli agricoli e forestali, inasprendo in particolare le disposizioni relative ai sistemi di frenatura, che risultano così divergenti dalle prescrizioni in materia di costruzione ed equipaggiamento vigenti in Svizzera. Per garantire anche in futuro la compatibilità tra i mezzi svizzeri già in circolazione e i veicoli UE nonché il loro funzionamento sicuro, è necessario armonizzare gli impianti di frenatura e i ganci di traino. In aggiunta, il Consiglio Federale propone di aumentare la lunghezza consentita delle apparecchiature di lavoro anteriori.