Condividi, , Google Plus, LinkedIn,

Stampa

Pubblicato in:

Firmato il Decreto per le Smart Road

Il DM riguarda anche la sperimentazione su strada dei veicoli a guida automatica

sfondo smart

Il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Graziano Delrio ha firmato il Decreto Ministeriale previsto per l’attuazione dell’art. 1, comma 72, della Legge 27 Dicembre 2017, n° 205 (Legge di Bilancio 2018), che autorizza la sperimentazione delle soluzioni tecnologiche per adeguare la rete infrastrutturale italiana ai nuovi servizi smart e per i veicoli automatici.

Il Decreto Smart Road, pubblicato in GU il 19 Aprile, mira a realizzare un miglioramento della rete stradale nazionale attraverso una sua graduale trasformazione digitale, con l’obiettivo di renderla idonea a dialogare con i veicoli connessi di nuova generazione (V2I), anche nell’ottica di rendere possibile l’utilizzo dei più avanzati livelli di assistenza automatica alla guida, nonché per migliorare e snellire il traffico (rilievo delle condizioni di deflusso) e ridurre l’incidentalità stradale.

  • Guida autonoma
    1 smart
    Il DM riguarda anche la sperimentazione su strada dei veicoli a guida automatica

Previsti, dunque, gli interventi necessari per la comunicazione dei dati ad elevato bit-rate (fibra ottica), la copertura di tutta l’infrastruttura stradale con servizi di connessione di routing verso la rete di comunicazione dati, la presenza di un sistema di hot-spot wi-fi per la connettività dei device dei cittadini, dislocati almeno in tutte le aree di servizio e di parcheggio un sistema per rilevare il traffico e le condizioni meteo.

Il sistema di archiviazione dei dati di traffico e di deflusso permetterà, tramite una modellazione, di fornire previsioni a medio e breve termine, nonché di ipotizzare una stima per i periodi di tempo successivi. Sulla base dei dati raccolti, poi, il sistema offrirà contenuti per servizi avanzati di informazione sul viaggio agli utenti, permettendo eventuali azioni di re-routing.

Gli interventi saranno realizzati in un primo tempo (entro il 2025) sulle infrastrutture appartenenti alla rete TEN-T (Trans European Network – Transport) e, comunque, su tutta la rete autostradale.