Share, , Google Plus, LinkedIn,

Print

Criticità in una galleria: prolungata la chiusura dell’autostrada A10: traffico paralizzato a Genova

Photo credit: genova.repubblica.it

(come riportato da Marco Preve su La Repubblica)

Ancora disagi: nel tratto Genova Aeroporto-Genova Prà in direzione Savona, per lavori. Ingorghi sulla Guido Rossa, a Sampierdarena e a Genova ovest

Un’altra giornata di ordinaria follia in autostrada (ma anche in città) per i genovesi. Colpa dell’ennesimo “difetto” come lo chiamano da Autostrade per l’Italia riscontrato in una galleria. In realtà soltanto l’ultima di una serie infinita di criticità che si sono accumulate negli anni con l’incredibile gestione della rete che emerge dalle inchieste.

Ora tutti i nodi vengono al pettine e lo fanno allo stesso momento. Si rivelano poco efficaci, rispetto alla vastità dei problemi e al decadimento delle infrastrutture, gli sforzi di Autostrade di inviare altro personale e suonano quasi beffarde le scuse dei vertici della società. Ecco la cronaca generata dall’ultimo “difetto”.

E’ stata prolungata la chiusura dell’autostrada A10 Genova-Savona, nel tratto fra Genova Aeroporto e Genova Prà, in direzione Savona, per consentire interventi di ripristino di alcuni difetti riscontrati durante attività di ispezione condotte nella notte all’interno della galleria Provenzale. Lo riferisce in una nota Autostrade.

“Data la conformazione del fornice, che non consente l’installazione di un by-pass – si legge ancora nel comunicato – i tecnici stanno verificando la possibilità di realizzare un varco che consenta l’apertura, entro la mattinata di oggi, di una corsia in deviazione sulla carreggiata opposta”.
Verificata la fattibilità tecnica, sono in corso i lavori di realizzazione di un bypass all’interno della galleria fonica di Prà. Il termine dei lavori con la riapertura del tratto su una corsia è previsto entro questo pomeriggio. Pesanti anche le conseguenze sul traffico cittadino con incolonnamenti a ponente.

Ingorghi sulla Guido Rossa, a Sampierdarena e a Genova ovest. I bus sono bloccati nel traffico. Disagi anche al casello di Nervi, perchè gli automobilisti stanno cercando una via di fuga sulla viabilità ordinaria. si registrano code in via Cavallotti e corso Italia, diventata a una corsia per via della realizzazione della pista ciclabile fino in corso Marconi.

Agli utenti che dalla A12 e dalle stazioni di ingresso della A7 sono diretti verso Genova Prà o Savona si consiglia di procedere lungo la A7 in direzione Milano e proseguire lungo la Diramazione Predosa-Bettole per raggiungere la A26 in direzione Genova.

La polizia municipale dopo averla chiusa fino alle 10.50, sta contigentando gli ingressi sulla Sopraelevata alla Foce in direzione Sampierdarena e ha schierato 36 pattuglie, 72 agenti, tutte quelle che erano disponibili, per presidiare gli assi maggiori come via Guido Rossa, Lungomare Canepa, via Cantore, via Buozzi, via Milano, addirittura utilizzando le pattuglie in servizio nel centro storico.

“La situazione è molto critica all’elicoidale per via dei mezzi pesanti che devono entrare in porto”, spiegano al comando. La protezione civile è stata allertata. “Al momento non ci sono criticità tali per un nostro intervento perche stiamo cercando di evitare il blocco totale della circolazione”, spiega il consigliere delegato Sergio Gambino. Tra le soluzioni, anche quella di deviare tutto il traffico pesante sull’A7.

La Giunta della Regione Liguria oggi pomeriggio firmerà un atto di messa in mora del MIT per chiedere i danni provocati dai problemi della rete autostradale. Lo ha annunciato il governatore Giovanni Toti.

“E’ in corso un doloso piano scriteriato – ha detto parlando del piano cantieri – per rimediare a decenni di inerzia in una sola mensilità alla fine del lockdown. La regionalizzazione delle infrastrutture è tema fondamentale. Il primo che revocherei è il MIT, questo Governo, questo ministro e tutti i direttori generali, credo che sia la revoca più urgente”.