Condividi, , Google Plus, LinkedIn,

Stampa

Pubblicato in:

Viadotti nella Valle del Chienti con impalcati gettati in opera

La tecnologia Doka per getto in opera di impalcati per viadotti misti acciaio-cls, utilizzata da cinque anni in molti cantieri in Italia e all'estero, consente economia e rispetto dei tempi d'esecuzione. La redazione di "Strade & Autostrade" ha visitato, sul Quadrilatero Marche-Umbria, il cantiere grandi lavori della Fincosit, che ha affidato all'Impresa Giacovelli lavori sul viadotto Chienti 2

L’inquadramento dell’opera

Il sistema “Asse Viario Marche-Umbria e Quadrilatero di penetrazione interna” rientra tra le infrastrutture ritenute di carattere strategico e di preminente interesse nazionale per la modernizzazione e lo sviluppo del Paese (si veda “S&A” n° 105). L’intervento è infatti inserito nella Legge Obiettivo (Legge n° 443/2001) ed in particolare nel Programma delle infrastrutture strategiche (Delibera n° 121/2001) nonché nell’ambito dei “Corridoi trasversali e dorsale appenninica (corridoi stradali ed autostradali)” previsti dall’Intesa Generale Quadro sottoscritta il 24 Ottobre 2002 tra il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti e le Regioni Marche e Umbria.

Immagini

  • L'Ing. Renato Petrucci dell'Impresa Grandi Lavori Fincosit (Direttore Tecnico di lotto)
    L'Ing. Renato Petrucci dell'Impresa Grandi Lavori Fincosit (Direttore Tecnico di lotto)
  • Sull’asse viario Marche-Umbria e Quadrilatero di penetrazione interna, i due sublotti 1.2 e 2.1 coprono il tratto Foligno-Pontelatrave della S.S. 77 “Val di Chienti”
    Sull’asse viario Marche-Umbria e Quadrilatero di penetrazione interna, i due sublotti 1.2 e 2.1 coprono il tratto Foligno-Pontelatrave della S.S. 77 “Val di Chienti”
  • Il tracciato con l’ubicazione del viadotto Chienti 2 e del cantiere di base GLF 
    article_4781-img_4017
    Il tracciato con l’ubicazione del viadotto Chienti 2 e del cantiere di base GLF 
  • All’interno del sublotto 1.2, nel secondo tratto compreso tra i comuni di Serravalle di Chienti e Muccia, tra le gallerie naturali Muccia e Costafiore la valle, solcata dal fiume Chienti, viene attraversata dal viadotto Chienti 2
    article_4781-img_4018
    All’interno del sublotto 1.2, nel secondo tratto compreso tra i comuni di Serravalle di Chienti e Muccia, tra le gallerie naturali Muccia e Costafiore la valle, solcata dal fiume Chienti, viene attraversata dal viadotto Chienti 2
  • La fase di armo del carro casserante sul viadotto Chienti 2
    article_4781-img_4019
    La fase di armo del carro casserante sul viadotto Chienti 2
  • Il lato imbocco galleria naturale Muccia
    article_4781-img_4020
    Il lato imbocco galleria naturale Muccia
  • Una panoramica del viadotto Scopoli e gli imbocchi della galleria naturale Sostino
    article_4781-img_4021
    Una panoramica del viadotto Scopoli e gli imbocchi della galleria naturale Sostino
  • Un particolare del pulvino del viadotto Scopoli
    article_4781-img_4022
    Un particolare del pulvino del viadotto Scopoli
  • Il carrovaro Doka sul viadotto Chienti 2
    article_4781-img_4023
    Il carrovaro Doka sul viadotto Chienti 2
  • La sezione trasversale
    article_4781-img_4024
    La sezione trasversale
  • La sezione longitudinale
    article_4781-img_4025
    La sezione longitudinale
  • L’Ing. Edgar Micheluzzi, Direttore Tecnico dell’Impresa Giacovelli Srl
    article_4781-img_4026
    L’Ing. Edgar Micheluzzi, Direttore Tecnico dell’Impresa Giacovelli Srl
  • Da sinistra, l’Ing. Vincenzo Giardiello e l’Ing. Edgar Micheluzzi della Giacovelli Srl, poi l’Ing. Pasquale Briamonte e il Geom. Giuseppe Onesti di Doka
    article_4781-img_4027
    Da sinistra, l’Ing. Vincenzo Giardiello e l’Ing. Edgar Micheluzzi della Giacovelli Srl, poi l’Ing. Pasquale Briamonte e il Geom. Giuseppe Onesti di Doka
  • Il carro casserante sull’impalcato del viadotto Chienti 2
    article_4781-img_4028
    Il carro casserante sull’impalcato del viadotto Chienti 2
  • I pattini in teflon per lo scorrimento del cassero interno e le rulliere predisposte sulla piattabanda delle travi metalliche per lo scorrimento della struttura metallica del carro
    article_4781-img_4029
    I pattini in teflon per lo scorrimento del cassero interno e le rulliere predisposte sulla piattabanda delle travi metalliche per lo scorrimento della struttura metallica del carro
  • Il piano di posa del ferro d’armatura della soletta dell’impalcato dell’impalcato
    article_4781-img_4030
    Il piano di posa del ferro d’armatura della soletta dell’impalcato dell’impalcato
  • La posa del ferro d’armatura della soletta
    article_4781-img_4031
    La posa del ferro d’armatura della soletta
  • Il verricello elettrico posizionato sull’avanbecco della struttura superiore
    article_4781-img_4032
    Il verricello elettrico posizionato sull’avanbecco della struttura superiore
  • La pila 8 Nord e la pila 2 Sud del viadotto Chienti 2
    article_4781-img_4033
    La pila 8 Nord e la pila 2 Sud del viadotto Chienti 2
  • I bordi dell’impalcato gettato sono stati messi in sicurezza con il sistema di protezione laterale Doka XP, costituito da griglie e montanti
    article_4781-img_4034
    I bordi dell’impalcato gettato sono stati messi in sicurezza con il sistema di protezione laterale Doka XP, costituito da griglie e montanti
  • La fase di getto della soletta dell’impalcato
    article_4781-img_4035
    La fase di getto della soletta dell’impalcato

L’opera è costituita dalle due direttrici parallele:

  • Maxilotto 2 – Ancona-Perugia (che si sviluppa lungo la S.S. 76 “Val d’Esino” e prosegue lungo la S.S. 318 “di Valfabbrica”);
  • Maxilotto 1 – Civitanova Marche-Foligno (che si sviluppa lungo la S.S. 77 “Val di Chienti”), direttrici collegate dalla trasversale Fabriano-Matelica-Muccia e dalle diramazioni della S.S. 77.

Interivsta all’Ing. Edgar Micheluzzi, Direttore Tecnico dell’Impresa Giacovelli Srl

All’interno del Maxilotto 1, i due sublotti 1.2 e 2.1 coprono il tratto Foligno-Pontelatrave della S.S. 77 “Val di Chienti”. In questo tratto l’attuale S.S. 77 è caratterizzata da curve strette, pendenze eccessive, numerosi attraversamenti di centri abitati, strettoie, ecc., tutti aspetti che riducono la qualità del servizio a livelli molto bassi, determinano un’elevata incidentalità recando notevoli disagi alla popolazione.

La morfologia del territorio attraversato si caratterizza per la presenza di numerosi rilievi generalmente acclivi tagliati da valli strette con fianchi pronunciati. La prima parte del tracciato è in salita, segue un andamento sostanzialmente pianeggiante lungo l’altopiano di Colfiorito e prosegue con un tratto in discesa sino a termine intervento.

Dal punto di vista ambientale, tutta la zona – senza distinzione – possiede un elevato valore sia paesaggistico, sia naturalistico; diverse aree sono soggette a tutela e numerose sono le testimonianze di carattere storico e culturale.

La piattaforma stradale ha una larghezza totale minima pari a 24,5 m, superiore al minimo previsto dalla Normativa, data l’adozione di una larghezza spartitraffico maggiorata rispetto ai 2,5 m previsti dalle Norme. La carreggiata è costituita, per ciascun senso di marcia, da due corsie da 3,75 m affiancate da una banchina da 1,75 m in destra e da 0,50 m in sinistra. Anche su ponti e viadotti è mantenuta la sezione stradale tipo, con aggiunta di un cordolo di estremità, di larghezza variabile, per l’ancoraggio della barriera di sicurezza, l’alloggiamento dei cavidotti e l’eventuale installazione di barriere acustiche.

Le opere d’arte principali sono sostanzialmente riconducibili alle seguenti tipologie: gallerie artificiali, gallerie naturali e viadotti.

Il tracciato del progetto prevede la realizzazione di gallerie naturali monodirezionali a doppia canna, con fornice caratterizzato da un raggio interno di 5,95 m in modo da contenere una carreggiata con le stesse caratteristiche geometriche di quella all’esterno, con larghezza complessiva di 9,75 m, comprendenti le due corsie di marcia da 3,75 m ciascuna e le banchine laterali da 1,75 m in destra e 0,50 m in sinistra. La carreggiata è delimitata, come previsto dalla vigente Normativa, da profili ridirettivi tipo New Jersey gettati in opera a ridosso dei piedritti della galleria stessa, in modo da poter alloggiare anche i vari cavidotti per gli impianti.

I viadotti sono stati progettati con particolare attenzione all’aspetto formale delle opere, adottando forme arrotondate per le pile, i pulvini e per il guscio esterno degli impalcati, in funzione di un migliore inserimento paesaggistico-ambientale, anche in considerazione delle raccomandazioni CIPE. La scelta della tipologia dei viadotti è stata dettata innanzitutto dalla luce delle campate, adottando un appropriato rapporto tra luce ed altezza delle pile, e per la sismicità delle aree interessate.

Gli impalcati in c.a.p. sono stati utilizzati per i viadotti con campate fino a 30 m di luce. Si prevede l’utilizzo di travi prefabbricate in c.a.p., precompresse in stabilimento con trefoli aderenti, aventi sezione a Pi greco con ala larga inferiore. L’impalcato viene completato in opera mediante il getto di una soletta dello spessore di 25 cm su predalles.

I viadotti con campate di luce superiore ai 30 m sono stati realizzati con struttura composta acciaio-calcestruzzo.L’impalcato è caratterizzato dalla presenza di due sole travi portanti principali a doppio T, poste a distanza variabile in funzione della larghezza dell’impalcato, con traversi di collegamento a doppio T posti ad interasse longitudinale massimo di 6,0 m.

Tutte le carpenterie metalliche sono interamente realizzate in acciaio Corten.

Riguardo allo schema statico longitudinale è confermata la soluzione di impalcato continuo sulle pile, già prevista nel progetto a base di gara. La soletta collaborante in c.a., di spessore 25 cm, è realizzata tramite getto con carro casserante Doka. I traversi correnti della trave metallica vengono utilizzati come supporto al carrovaro della soletta durante le fasi di movimentazione dello stesso.

Le pile del viadotto

Le pile del viadotto Chienti 2 presentano sezione ellittica cava (dimensioni 5,00×3,50 e 5,00×4,60) e sono state gettate in opera con soluzioni Doka. In particolare, per i fusti sono stati adottate casseforme a travi Top 50 centinate, sia per l’interno che per l’esterno, consegnate in cantiere già preassemblate dal servizio di montaggio Doka. Per l’esterno del fusto la cassaforma Top 50 è stata abbinata al sistema rampante MF 240, comprensivo di ponti inferiori di servizio. Per l’interno, la stessa cassaforma è stata impiegata con piano d’appoggio con travi telescopiche Doka e ponte inferiore di servizio.

L’accesso ai piani di lavoro è stato garantito da torri scala d2-225, con altezza massima di 30,00 m. La stessa soluzione è stata adottata anche per i pulvini, con la sola eccezione del sistema di sostegno a sbalzo, costituito da mensole rampanti MF 240 e tralicci di puntellazione F 450, per il sostegno del calcestruzzo in corrispondenza delle testate.

I carri varo Doka per getto in opera

All’interno del sublotto 1.2, nel secondo tratto compreso tra i comuni di Serravalle di Chienti e Muccia, tra le gallerie naturali Muccia e Costafiore, la valle, solcata dal fiume Chienti, viene attraversata dal viadotto Chienti 2, che adotta la tipologia di getto della soletta con carro casserante.