Share, , Google Plus, LinkedIn,

Print

Posted in:

Ispezione notturna al Genova San Giorgio

Un esempio di collaborazione tra Aziende operative, Committenti, Società di ingegneria e un Costruttore di mezzi capace di recepire le esigenze sul campo, rendendole realtà

Ispezione notturna al Genova San Giorgio

L’unità di ispezione ponti ABC 150/LST, costruita dalla Società Barin, è utilizzata dalla Società CLS Controlli e Lavori Speciali Srl di Ventimiglia per permettere alla Proger SpA un comodo accesso al ponte San Giorgio per svolgere programmate ispezioni sottoponte di notte al fine di non interferire sulla circolazione veicolare.

  • Il notevole sbraccio laterale
    1A Il notevole sbraccio laterale
    1A. Il notevole sbraccio laterale che può arrivare a 3,9 m superando agevolmente i pannelli fotovoltaici
  • L’unità di ispezione ABC 150LST
    1B L’unità di ispezione ABC 150LST
    1B. Il notevole sbraccio laterale che può arrivare a 3,9 m superando agevolmente i pannelli fotovoltaici

La macchina, montata su un veicolo Volvo FM380 a tre assi, è stata progettata con l’ausilio di un software 3D con il quale i Tecnici hanno potuto simulare le varie fasi di varo della struttura con la passerella di 15 m attraverso le zone più difficili da superare, individuando i punti critici e apportando dove necessario alcune opportune modifiche.

La struttura della macchina è una piattaforma tipo sottoponte e la sua caratteristica principale è lo sbraccio laterale che può arrivare a 3,9 m superando agevolmente le lastre di cristallo antirumore e i pannelli fotovoltaici posti ai lati del ponte.

La passerella di ispezione
2. La passerella di ispezione Barin in fase di varo

Gli elementi di bordo ponte sul Genova San Giorgio fungono da strutture portanti del sistema di controllo, costituito da due Robot Inspection e dal sistema di lavaggio Robot Wash delle lastre frangivento/antirumore e dei pannelli fotovoltaici che alimentano i lampioni di illuminazione del viadotto.

Sul viadotto è installato un robot di ispezione largo 7 m montato su ruote che scorrono su rotaie all’esterno dell’impalcato. Il robot è dotato di un braccio retrattile, con una parte fissa e una mobile, che ha una lunghezza totale di 17 m per poter raggiungere, partendo dal bordo del ponte, il centro dell’impalcato.

L'attrezzatura Barin ABC150LST
3. Le dimensioni complessive in posizione di lavoro della attrezzatura Barin ABC150/LST

Questa particolare installazione tecnologica viene oltrepassata senza nessuna possibilità di danno alla stessa grazie alle peculiarità tecniche dell’attrezzatura ABC 150 LST (www.barin.it).

Nella progettazione delle attrezzature la Barin Srl unisce lo studio costante delle particolarità delle opere d’arte stradali alle richieste dei Clienti, con spiccata sensibilità a livello progettuale e di implementazione tecnologica, coniugando prestazioni tecniche, velocità di intervento e sicurezza nell’esecuzione.

La by bridge ABC 150LST
4. Alcune caratteristiche principali dell’attrezzatura by bridge modello ABC 150/LST

La partnership tra Barin, CLS e la Proger SpA, impegnata nell’attività di sorveglianza delle opere d’arte delle tratte di Autostrade per l’Italia, ha generato sviluppo e realizzazione di nuove attrezzature in grado di soddisfare tutte le varie richieste legate alle nuove esigenze.

>  Se questo articolo ti è piaciuto, iscriviti alla Newsletter mensile al link http://eepurl.com/dpKhwL  <