Condividi, , Google Plus, LinkedIn,

Stampa

Pubblicato in:

La tecnica rivoluzionaria del ponteggio sospeso

La nuova e innovativa tecnologia di Euroedile per interventi su ponti e viadotti di tutta Europa

L’intuizione è partita dal quartier generale di Postioma (TV) ed è stata subito un successo: la Ponteggi Euroedile Srl (www.euroedile.it) ha ideato e realizzato un sistema innovativo di ponteggi da dedicare alle infrastrutture di elevate altezze.

Porta il nome di “ponteggio sospeso” ed è assolutamente una certezza visto che incontra il favore di tutti negli interventi su ponti e viadotti. La Ditta trevigiana ha buttato l’asso e si è dimostrato vincente: raccogliendo il know-how trentennale acquisito sul campo, ha messo a punto un particolare ponteggio in grado di razionalizzare e di ridurre i tempi di lavoro.

  • Ganterbrücke
    1 euro
    Il Ganterbrücke, in Svizzera
  • Stura
    2 euro
    Il viadotto Stura
  • viadotto
    3 euro
    Nereo Parisotto, Amministratore Unico di Euroedile, sul ponteggio sospeso del ponte dell’Accademia a Venezia
  • Nereo Parisotto
    4A euro
    Il viadotto Colle Isarco
  • Colle Isarco
    4B euro
    Un particolare del ponteggio sospeso
  • ponte di Moscosi
    5 euro
    Il ponte di Moscosi a Cingoli (MC)

In quest’ottica, la struttura da allestire è nettamente inferiore rispetto a quella tradizionale che, posta al suolo, utilizza l’80% di materiale in meno con conseguente riduzione della manodopera necessaria e, ovviamente, dei costi di trasporto.

I numeri confermano l’idea: 700 ponteggi sospesi realizzati fino ad oggi sulle più importanti infrastrutture viarie esistenti. “Il primo sistema di ponteggio sospeso – fa sapere l’Ing. Alessandro Zanatta, Direttore di Ponteggi Euroedile – è stato realizzato sull’avveniristico Ganterbrücke, in Svizzera. Da quel momento, siamo stati chiamati da molte Aziende europee che necessitavano di effettuare la realizzazione di ponteggi su viadotti e ponti”.

Tecnicamente, il ponteggio sospeso viene utilizzato al servizio della parte inferiore dell’impalcato stradale, con tecnologie di montaggio avanzate: consiste in un piano, collegato all’intradosso dell’impalcato attraverso catene e tasselli, che viene posto generalmente a 2 m dalla zona di lavoro.