Share, , Google Plus, LinkedIn,

Print

Automotive, più tecnologia meno incidentalità

(come riportato da Carlo Argeni su Le Strade dell’Informazione)

Sui veicoli, nel 2024, saranno obbligatori nuovi sistemi di sicurezza

La tecnologia sempre più protagonista nel settore dell’automotive. Tutte le vetture di nuova immatricolazione, nel 2024, dovranno, infatti, come stabilito dal Regolamento UE 2019/2144, disporre dei più attuali sistemi di sicurezza.

Dal 6 luglio 2022 si potranno omologare solo se dispongono della “Black box” integrata; la “Scatola nera”, dal 7 luglio 2024, dovrà essere presente su tutte le auto. Edr-Event Data Recorder (questo è il suo nome) è in grado di registrare ogni dato connesso all’utilizzo del mezzo.

In caso di incidente, quindi, le Autorità disporranno delle informazioni necessarie ad accertare quanto accaduto e di individuare le eventuali responsabilità connesse al sinistro. Il sistema non è disattivabile ed è impossibile manipolare i dati, che potranno essere estrapolati e utilizzati (limitatamente ai compiti d’istituto) soltanto dalle Forze dell’Ordine.

Il Regolamento prevede ulteriori obblighi relativamente alla presenza dei sistemi di sicurezza avanzati (ADAS-Advanced Driver Assistance Systems) nelle auto di prossima omologazione. Tra questi, abbiamo l’Intelligent Speed Assistance (ISA), che coadiuva il conducente nel mantenere la velocità adeguata all’arteria percorsa. Il sistema individua automaticamente il limite di velocità regolando, di conseguenza, la condotta di guida.

L’AEB (Autonomous Emergency Braking), invece, utilizza una serie di sensori che rilevano, in continuazione, la velocità del veicolo e la presenza di ostacoli lungo la corsia di marcia. Una volta identificati, avvisa chi è al volante tramite un allarme sonoro. Se non si interviene, la centralina invia autonomamente l’input di frenare.

L’Alcolock, sempre grazie a sofisticati sensori presenti nell’abitacolo, impedisce l’avviamento del motore se il conducente ha un tasso alcolemico superiore al consentito. La norma europea non prevede l’obbligo d’installazione, bensì la predisposizione di un’interfaccia che permetta di collocarlo successivamente.