Share, , Google Plus, LinkedIn,

Print

Toti, dopo ricostruzione ponte Morandi, resta nodo gestione autostrade

(come riportato da Regioni.it)

Zingaretti, Governo deve chiudere capitoli ancora aperti: Alitalia, Autostrade, ex Ilva di Taranto

La ricostruzione del Ponte Morandi “è stata possibile grazie a una grossa forza di volontà della città. Il Governo con il decreto Genova ci ha dato i poteri e le risorse per costruire il ponte.

Deve rappresentare un modello per far ripartire il Paese perchè ci sono decine di migliaia di posti di lavoro che vengono bloccati da una burocrazia farraginosa”.

Lo ha dichiarato Giovanni Toti, presidente della Regione Liguria (in collegamento con ‘Uno Mattina’ in onda su Rai 1). All’orizzonte però resta il nodo della gestione delle autostrade strettamente connesso alla ricostruzione del ponte.

“Allo stato dei fatti fra una ventina di giorni il commissario finisce il suo mandato e il ponte va consegnato a società Autostrade, questo in base alla legislazione vigente ma…”. Così il presidente della Regione Liguria, Giovanni Toti, in un’intervista al ‘Corriere della sera’.

Per il Presidente della Liguria siamo di fronte ad una sorta di “mistero” a due mesi dall’inaugurazione. Dice Toti: “Forse il governo vuole stralciare quei 1.057 metri del ponte e darli a qualcun altro, però ce lo dica.

Noi stiamo qui aspettando Godot, che notoriamente non arriva. Per anni il gestore non ha fatto quello che doveva fare e ora dovrebbe risolvere tutto in un mese: così non si cura il paziente, si uccide”, afferma, Secondo Toti, “la smania punitiva del governo con Autostrade alla fine punisce solo la Liguria”.

La gronda, il raccordo che alleggerirebbe la rete, “è ferma”, il progetto invece “è approvato e finanziato ma la firma del ministro non c’è”. Toti osserva: “Autostrade non investe in attesa di sapere cosa succede e intanto incassa i pedaggi. Il ponte sarà pronto a settimane ma non si sa chi lo gestirà, quindi non si sa chi deve fare il collaudo finale, quello che consentirà alle auto di passarci sopra.

E in mezzo alle indecisioni del governo condite di proclami sulla revoca della concessione ci siamo noi”, conclude.

Anche secondo Nicola Zingaretti, Presidente della Regione Lazio e segretario del Pd, il governo deve “chiudere” sui “capitoli aperti da troppo tempo”, scrive su Facebook. Aver realizzato il taglio delle tasse, “Con la stessa determinazione la maggioranza dovrebbe chiudere dei capitoli aperti da troppo tempo, legati alla rinascita italiana: penso ad Alitalia, ad Autostrade o all’ex Ilva di Taranto”. Aggiunge Zingaretti: “”Lo hanno detto tutti, anche il presidente Conte, ma ora bisogna davvero chiudere. Questi sono i primi fatti concreti di vera ripartenza e di rinascita italiana”.