Share, , Google Plus, LinkedIn,

Print

Mercedes, nuova Classe S a un passo dalla guida autonoma

Una Mercedes a guida autonoma? Non ancora del tutto, ma la nuova Classe S con sistema Distronic Plus, disponibile a partire dal prossimo autunno, ci si avvicina molto. Il nuovo software sviluppato nell’ambito del progetto Intelligent Drive di Mercedes-Benz è in grado di gestire lo sterzo e mantenere la distanza di sicurezza in marcia, regolando anche la velocità in funzione del tracciato, riconoscendo curve e incroci. Il tutto, supportato dai sistemi già noti, Active Emergency Stop Assist ed Active Lane Change Assist, che sono stati ulteriormente perfezionati.
Ma il software da solo non basta. Anche l’hardware è stato notevolmente perfezionato. La nuova Classe S è equipaggiata con sistemi di radar e di telecamere che le fanno ‘vedere’ in anticipo le situazioni del traffico fino a una distanza di 250 metri, utile tanto in autostrada che in città. Grazie ai sistemi affinati, ora la vettura è ora in grado di rimanere ferma fino a 30 secondi e ripartire automaticamente in caso di coda, seguendo i veicoli che precedono.

Anche la lettura dei dati cartografici e di navigazione è stata migliorata, offrendo ora una precisione mai vista prima.

Si tratta in pratica di un sistema di guida semi-autonomo che consente al guidatore di rilassarsi in determinate circostanze, facendo affidamento sul “cervello e gli occhi elettronici” della vettura, ma che al tempo stesso fornisce “una panoramica chiara e precisa delle funzioni selezionate e delle situazioni a cui reagiscono i rispettivi sistemi di assistenza. Una serie di icone particolarmente intuitive – per esempio un volante con le mani su entrambi i lati – viene visualizzata sia sullo schermo che sul display head-up”, come sottolineano da Mercedes.

Il DISTRONIC PLUS non interviene di sua volontà, deve essere sempre attivato dal guidatore attraverso gli appositi comandi sul volante.

“Con l’introduzione della nuova Classe S, si alza il livello del Mercedes-Benz Intelligent Drive – ha dichiarato Michael Hafner, responsabile Automated Driving & Active Safety della Casa di Stoccarda -. Ci stiamo avvicinando all’obiettivo della guida automatizzata in modo sistematico e più rapidamente di quanto molte persone potessero immaginare. A partire dal prossimo autunno la nuova Classe S sarà in grado di garantire al guidatore un livello di assistenza sensibilmente più elevato rispetto a quello offerto finora da tutti i sistemi attualmente disponibili. La programmazione del software destinato alle funzioni di assistenza avviene come sempre in-house. Per questo motivo, siamo in grado di implementare nuove idee con estrema rapidità”.

Vediamo in dettaglio come funziona la nuova Classe S con Distronic Plus: il sistema controlla la velocità e la adatta al tracciato, riconosce curve, incroci, rotatorie, caselli di pedaggio. Una volta impostato il percorso sul navigatore, se si viaggia ad esempio in autostrada, sulla corsia di destra, il sistema provvede a rallentare prima dell’uscita autostradale. Stesso discorso in caso di percorso cittadino che preveda la svolta a un incrocio, o nel caso in cui il conducente abbia azionato la freccia: il computer adatta la velocità alle azioni che seguiranno.

La riduzione della velocità avviene inoltre con intensità differenti in funzione del programma di marcia selezionato. Sulle superstrade ed in autostrada il sistema sa mantenere la corsia e la distanza di sicurezza rispetto al veicolo che precede fino a una velocità di 210 km/h. In sinergia lavora l’Active Lane Change Assist che assiste il guidatore nel cambio corsia a una velocità compresa tra 80 e 180 km/h. La persona al volante deve solo azionare l’indicatore, entro i dieci secondi successivi i sensori verificano se la manovra è eseguibile in sicurezza, controllano se corsia parallela e le zone intorno alla vettura hanno lo spazio necessario al cambio corsia, calcolando anche la velocità degli altri veicoli in transito. In caso di strada libera, il sistema assiste il guidatore nella manovra, che viene anche visualizzata nella strumentazione di bordo e sul display head-up.
Troviamo poi lo Speed Limit Assist attivo: in abbinamento al Comand Online che legge la segnaletica stradale, il sistema è in grado di rilevare i limiti di velocità tramite una telecamera, compresa la segnaletica verticale e quella relativa ai cantieri, e adattare la velocità di marcia a seconda della situazione e del contesto in cui si viaggia. Il guidatore ha, comunque, la possibilità di modificarla.

Il tutto abbinato al sistema di assistenza per la guida in colonna, all’Active Emergency Stop Assist, che interviene in caso di pericolo per arrestare la vettura e al Brake Assist BAS PLUS che aiuta a evitare collisioni nel traffico, sia con veicoli fermi che precedono o attraversano, sia con eventuali pedoni. Interessante anche l’Evasive Steering Assist, l’assistenza allo sterzo che interviene nelle manovre di scarto improvviso di un ostacolo, e il sistema antisbandamento attivo, in funzione a velocità comprese tra 60 e 200 km/h, che avvisa il guidatore con la vibrazione del volante se rileva la deriva, o riporta automaticamente la vettura in corsia in caso di pericolo.

Ovviamente, con una dotazione di questa portata, la nuova Classe S è equipaggiata con molti altri dispositivi di assistenza attiva e passiva, compresi quelli per il parcheggio, tradizionale o comandato a distanza.