Share, , Google Plus, LinkedIn,

Print

Val di Peio, iniziati i lavori di allargamento della strada di accesso

Ieri, con la “consegna dei lavori” all’impresa incaricata di eseguirli, è ufficialmente partito il cantiere per l’allargamento della strada provinciale 87, diramazione Celentino, la via di accesso alla Val di Peio. I lavori dovranno essere ultimati dalla “Costruzioni Casarotto S.r.l” entro il quindici novembre del 2018.

“Si tratta – ha sottolineato l’assessore provinciale alle infrastrutture e ambiente Mauro Gilmozzi – di un intervento importante che una volta terminato renderà più scorrevole e sicuro il transito sia per gli abitanti della zona che per i turisti che si recano in uno degli angoli più suggestivi e carichi di storia del Trentino. C’è soddisfazione quando si vede iniziare il lavoro e si pensa ai benefici per la popolazione e per la nostra economia”.

Nei tratti interessati dai lavori la segnaletica stradale regolerà il transito. L’intervento nasce dalla necessità di adeguare un tratto della strada – in particolare tra i chilometri 0,600 e 1,000 – ai requisiti di sicurezza e transitabilità considerati idonei per una strada di comunicazione locale intracomunale.

Si è previsto quindi di adeguare dal punto di vista della scorrevolezza e della transitabilità il tratto oggetto dell’intervento, armonizzando il tracciato nella sequenza delle curve e dei rettilinei, risolvendo anche i problemi di cedevolezza dell’attuale tracciato e della caduta frequente di massi dalle rampe a bordo della strada. Sono previsti anche due allargamenti per la realizzazione di due piazzole di scambio (ai chilometri 1,710 e 1,940).

Tra i lavori previsti ci sono la realizzazione di micropali e tiranti, scavi e sbancamenti, la costruzione di muri e di un sistema di smaltimento delle acque meteoriche, la posa di posa di guard-rail e di nuova segnaletica.

Il progetto esecutivo è stato redatto dall’ingegner Mario Larcher, il direttore dei lavori è l’ingegner Massimo Negriolli del Servizio Opere Stradali e Ferroviarie della Provincia autonoma di Trento, il coordinatore della sicurezza in fase di esecuzione l’ingegner Franco Zadra.