Condividi, , Google Plus, LinkedIn,

Stampa

Pubblicato in:

A Milano la galleria De Gasperi-Gattamelata

Nella zona Nord-Ovest di Milano, nell'area dell'ex Portello Alfa Romeo, stanno per concludersi le opere di realizzazione del tratto di galleria stradale De Gasperi-Gattamelata, all'interno del "piano di intervento integrato portello" a Milano

Il progetto generale prevede un prima tratto di galleria, per il collegamento tra le direttrici stradali extraurbane di Viale De Gasperi/Piazza Kennedy e le aree urbane dell’ex Portello di Via Gattamelata e successivamente il prolungamento dello stesso con un secondo tratto che giungerebbe fino a Largo Domodossola, in adiacenza all’attuale intervento di riqualificazione del quartiere Fiera Milano denominato “CityLife”.

Immagini

  • La localizzazione dell’intervento
    article_5317-img_3786
    La localizzazione dell’intervento
  • Il calibro originale a quattro corsie della galleria viene sfruttato dedicando le due corsie esterne al collegamento con la rotatoria inferiore e le due interne a quello con la rotatoria superiore
    article_5317-img_3787
    Il calibro originale a quattro corsie della galleria viene sfruttato dedicando le due corsie esterne al collegamento con la rotatoria inferiore e le due interne a quello con la rotatoria superiore
  • Una vista dall’edificio WJC
    article_5317-img_3788
    Una vista dall’edificio WJC
  • Il getto del solaio intermedio nella zona dello scatolare chiuso a quattro luci
    article_5317-img_3789
    Il getto del solaio intermedio nella zona dello scatolare chiuso a quattro luci
  • I manufatti scatolari del Torrente Pudiga e per i sottoservizi comunali in attraversamento trasversale in sommità alla galleria in zona Via Papa-Palazzolo
    article_5317-img_3790
    I manufatti scatolari del Torrente Pudiga e per i sottoservizi comunali in attraversamento trasversale in sommità alla galleria in zona Via Papa-Palazzolo
  • Le fasi di realizzazione nella zona dello scatolare chiuso a due luci con scavo a cielo aperto a tutta altezza
    article_5317-img_3791
    Le fasi di realizzazione nella zona dello scatolare chiuso a due luci con scavo a cielo aperto a tutta altezza
  • Lo scavo parziale di ribassamento nel tratto di Via Palazzolo, con tasche nei pannelli dei diaframmi
    article_5317-img_3792
    Lo scavo parziale di ribassamento nel tratto di Via Palazzolo, con tasche nei pannelli dei diaframmi
  • Un particolare della struttura ad archi prima del completamento con solai in lastre curve prefabbricate
    article_5317-img_3793
    Un particolare della struttura ad archi prima del completamento con solai in lastre curve prefabbricate
  • L’illuminazione è realizzata con apparecchi a LED in conformità a quanto previsto per tutti gli impianti di illuminazione pubblica cittadina dal Comune di Milano
    article_5317-img_3794
    L’illuminazione è realizzata con apparecchi a LED in conformità a quanto previsto per tutti gli impianti di illuminazione pubblica cittadina dal Comune di Milano
L’inquadramento dell’opera

Le premesse progettuali, ormai superate, prevedevano un doppio collegamento alla vecchia Fiera di Milano. Attualmente, l’opera si configura in un quadro urbanistico più articolato e complesso e in continua evoluzione; in alleggerimento sulle vecchie direttrici di Viale Scarampo e Certosa/Sempione è a servizio dei nuovi insediamenti presenti e previsti, con la possibilità di creare punti di interscambio con la nuova Linea 5 della metropolitana milanese.

Parallelamente all’attuale tratto di galleria, è in fase di ultimazione lo svincolo di Viale De Gasperi, a margine del Monte Stella.

L’intervento attuale è, in sintesi, costituito dai seguenti elementi: 

  • lo svincolo in Viale De Gasperi, comprensivo di ponte metallico ad arco a via di corsa inferiore di luce netta pari a 80 m circa (si veda “S&A” n° 76);
  • il collegamento interrato da Viale De Gasperi a Via Gattamelata, realizzato con galleria artificiale a cielo aperto a due/quattro canne indipendenti;
  • lo svincolo di Via Gattamelata, costituito da due sistemi a rotatoria, disposti altimetricamente su piani differenti; 
  • la viabilità minore di superficie.

L’intervento è completato dalla realizzazione degli impianti tecnologici di galleria, da opere di spostamento dei servizi del sottosuolo e da sistemazioni superficiali a verde e arredi.

Per quanto riguarda le caratteristiche viabilistiche, il nuovo collegamento tra il Viale de Gasperi e la Via Gattamelata è costituito da una strada “tipo D – Urbana di scorrimento”.

La piattaforma di progetto è caratterizzata da due carreggiate distinte, ciascuna di queste dotata di due corsie di marcia di larghezza pari a 3,50 m. La sezione è completata da una banchina in sinistra da 0,50 m e da una in destra da 1 m. La banchina in destra è accompagnata da un tratto carrabile non transitabile di larghezza pari a 1,50 in sostituzione del marciapiede previsto dalla sezione tipo per le strade urbane di scorrimento.

Il traffico di carattere pedonale, non compatibile con le caratteristiche del tracciato in progetto, trova adeguati percorsi ad esso dedicati in superficie.

Il tracciato si svolge quasi interamente in galleria artificiale a doppia canna a partire dallo svincolo con la viabilità di superficie, fino alla Via Gattamelata, per uno sviluppo totale in sotterraneo pari a circa 950 m.

Il collegamento della galleria a Nord-Ovest con la viabilità a raso lato De Gasperi avviene con una rampa di lunghezza complessiva di circa 100 m.

Lo svincolo Gattamelata a Sud-Est si configura come formato da due classiche intersezioni rotatorie disposte altimetricamente su piani differenti e dedicate, rispettivamente, a svincolare i traffici veicolari della viabilità sotterranea (diretta ad un eventuale prolungamento della galleria e parcheggio interrato) e  quelli di superficie (diretti verso Via Gattamelata).

La galleria De Gasperi-Gattamelata

La galleria artificiale è stata realizzata in gran parte con il metodo costruttivo dello scavo a cielo aperto tra paratie in c.a., a esclusione di alcuni zone ove si è proceduto allo scavo con il “metodo Milano”. 

Nel secondo caso, vista la presenza di importanti flussi di traffico o interferenze con attività commerciali e logistiche vi era la necessità di ripristinare rapidamente le condizioni preesistenti di viabilità superficiale.

In generale, la difficoltà maggiore nella costruzione della galleria è stata più che quella meramente tecnica, quella rappresentata dalla necessità di procedere per fasi parziali di avanzamento, a causa delle interferenze con viabilità ad elevato flusso di traffico. 

Inoltre, si è dovuto operare in concomitanza ai numerosi cantieri presenti nel medesimo Piano di Intervento Integrato e agli insediamenti presenti in adiacenza all’intervento, ai quali si sono dovute garantire sempre le prerogative logistiche funzionali.

Le fasi costruttive

Per la costruzione della galleria si sono susseguite le seguenti fasi:

  • realizzazione di paratie perimetrali a diaframmi in c.a. di altezza di 19,5 m gettati in opera entro scavi realizzati con l’impiego di fanghi bentonitici, come sole opere provvisionali di contrasto utili per eseguire lo scavo successivo della galleria;
  • scavo a cielo aperto a tutta altezza, procedendo a fasi alterne con scavi di ribassamento parziali e inserimento di due/tre ordini di tiranti nei pannelli dei diaframmi;
  • scavo di ribassamento finale fino alla quota di imposta del solettone di fondo;
  • realizzazione del piano di fondo scavo in calcestruzzo;
  • stesura degli strati di protezione e impermeabilizzazione, costituiti da un primo manto di tessuto non tessuto fissato alle paratie e steso sul piano di fondo, un secondo manto impermeabilizzante in PVC e un terzo manto protettivo in PVC termosaldati in aderenza sia al piano di fondo, sia alle pareti verticali dei diaframmi mediante un apposito sistema di saldature puntuali;
  • realizzazione delle strutture in c.a. dello scatolare della galleria; 
  • l’esecuzione dei massetti di pendenza superficiali, l’impermeabilizzazione superiore in copertura ed i massetti di protezione.