Condividi, , Google Plus, LinkedIn,

Stampa

Pubblicato in:

Accessibilità viabilistica al sito Expo 2015

La strada Eritrea-Expo Lotto 1A, realizzata dal Comune di Milano

La Manifestazione espositiva Expo 2015 ha da subito richiesto un approfondito studio viabilistico per garantire un’idonea accessibilità al sito.

Immagini

  • Il quadro di accessibilità viabilistica al sito Expo 2015: in blu la strada in costruzione da Via Eritrea e il sito espositivo
    article_5351-img_3602
    Il quadro di accessibilità viabilistica al sito Expo 2015: in blu la strada in costruzione da Via Eritrea e il sito espositivo
  • Il Lotto 1A della strada in corso di costruzione da Via Eritrea alla porta Est di Expo
    article_5351-img_3603
    Il Lotto 1A della strada in corso di costruzione da Via Eritrea alla porta Est di Expo
  • L’affidamento dei lavori: il criterio di valutazione per l’offerta economicamente più vantaggiosa
    article_5351-img_3604
    L’affidamento dei lavori: il criterio di valutazione per l’offerta economicamente più vantaggiosa
  • Un dettaglio del tracciato progettuale
    article_5351-img_3605
    Un dettaglio del tracciato progettuale
  • La sezione tipologica della rampa Est
    article_5351-img_3606
    La sezione tipologica della rampa Est
  • La sezione tipologica della galleria artificiale
    article_5351-img_3607
    La sezione tipologica della galleria artificiale
  • La sezione tipologica della rampa Ovest
    article_5351-img_3608
    La sezione tipologica della rampa Ovest
  • La sezione tipologica del sottopasso modificato di Largo Boccioni
    article_5351-img_3609
    La sezione tipologica del sottopasso modificato di Largo Boccioni
  • La rete di micropali valvolati per l’adeguamento del sottopasso esistente in Largo Boccioni
    article_5351-img_3610
    La rete di micropali valvolati per l’adeguamento del sottopasso esistente in Largo Boccioni
  • La fase di costruzione della galleria artificiale: il solettone di fondo e le paratie tirantate
    article_5351-img_3611
    La fase di costruzione della galleria artificiale: il solettone di fondo e le paratie tirantate
  • Le fasi di scavo e di costruzione della galleria
    article_5351-img_3612
    Le fasi di scavo e di costruzione della galleria
  • L’ipotesi della sistemazione a nuovo parco urbano tra Via Eritrea e Largo Boccioni
    article_5351-img_3613
    L’ipotesi della sistemazione a nuovo parco urbano tra Via Eritrea e Largo Boccioni
  • Una panoramica del cantiere dell’asse stradale che collegherà Via Eritrea con il sito Expo 2015
    article_5351-img_3614
    Una panoramica del cantiere dell’asse stradale che collegherà Via Eritrea con il sito Expo 2015

Gli accessi al sito avverranno dall’estremo Ovest per tutti gli arrivi con ferrovia o metropolitana, dall’estremo Est per i visitatori che arriveranno con navette su gomma e in parte dalla zona Sud (accedendo poi al sito con una passerella pedonale scavalcando autostrada e ferrovia).

La porta Est che dovrebbe dare accesso a quasi il 35% dei visitatori, nonché a tutti gli approvvigionamenti notturni necessari alla funzionalità del sito, necessita di un collegamento stradale affidabile.

Tale collegamento è in corso di realizzazione mediante due lotti stradali che consentiranno rispettivamente (Lotto 1A) di raggiungere il sito dalla rete cittadina e suburbana della zona Est e Nord-Est di Milano, e da una seconda porzione di infrastruttura (Lotto 1B) che consentirà alle percorrenze extraurbane e autostradali di sottopassare la ferrovia e agganciarsi alla porta Est del sito confluendo nell’ultima tratta del Lotto 1A.

Il Lotto 1A della strada di collegamento da Via Eritrea a Expo: i soggetti attuatori e l’affidamento dei lavori

Il Lotto 1A della strada in corso di costruzione consente di collegare la Via Eritrea alla porta Est del sito espositivo garantendo quindi un collegamento tra la città di Milano e il luogo della manifestazione fieristica.

Il soggetto attuatore dell’intervento è il Comune di Milano – Direzione Centrale Tecnica – che svolge con i propri Tecnici il ruolo di Responsabile Unico del Procedimento; progettazione e Direzione dei Lavori sono state affidate alla Società Metropolitana Milanese SpA e l’Impresa realizzatrice delle opere è la Milesi geom. Sergio Srl di Gorlago (BG).

L’affidamento dei lavori è avvenuto mediante gara ad evidenza pubblica aggiudicata con il metodo dell’offerta economicamente più vantaggiosa assegnando ai partecipanti il 60% dei punti sulla base di parametri tecnici e il restante 40% sulla scorta di criteri economico-temporali.

Per privilegiare le soluzioni tecniche migliorative proposte dalle Aziende si è previsto che solo le offerte tecniche che avessero conseguito almeno 36 punti dei 60 disponibili potessero essere ammesse alla successiva valutazione della parte economica dell’offerta. Con tale scelta dei 12 partecipanti solo cinque hanno superato la soglia di ammissibilità tecnica e in particolare la Milesi geom. Sergio Srl ha saputo offrire interessanti migliorie soprattutto circa la riduzione degli impatti sul territorio minimizzando le interferenze con la viabilità ed i servizi esistenti.

Il tracciato plano-altimetrico

L’infrastruttura in fase di costruzione ha uno sviluppo di circa 1.800 m e vede una parte significativa del suo tracciato (602 m) realizzato in galleria.

La strada, classificata come Urbana di quartiere – Tipo E, è a due corsie per senso di marcia e si innesta mediante un’intersezione a raso semaforizzata sulla Via Eritrea. Da qui prende subito avvio la rampa Est di discesa alla galleria artificiale che sottopasserà il parco urbano con zona dedicata anche ad orti di quartiere, la Via Fabrizi, il nuovo centro sportivo calcistico dotato di campo a 11 e a 5 in erba sintetica con tribunetta e spogliatoi e l’importante nodo viabilistico di Largo Boccioni con i raccordi autostradali.

A Ovest di Largo Boccioni la strada ritorna in quota mediante la rampa Ovest e si innesta sulla Via Stephenson mediante un sistema di tre rotatorie realizzate per creare un sistema di circolazione che salvaguardasse la presenza della struttura alberghiera esistente e delle diverse realtà industriali e commerciali presenti in zona.

L’ultimo tratto, che conduce al sito espositivo Expo 2015, è costituito dalla riqualificazione della Via Stephenson mediante un riadeguamento della sezione stradale e la predisposizione dell’innesto con il Lotto 1B che raccoglierà il traffico proveniente dagli itinerari extraurbani.

Le tipologie e le tecniche costruttive

Dal punto di vista realizzativo sia le due lunghe rampe (Est e Ovest) che quasi tutto il sistema di gallerie sono stati eseguiti tramite scavo a cielo aperto, previa realizzazione di paratie laterali di diversa consistenza e profondità in funzione della spinta del terreno.

Alle paratie sono stati applicati fino a tre ordini di tiranti per contrastare i momenti flettenti indotti dai carichi. Eseguito lo scavo fino alla quota necessaria (–10 m circa dal piano campagna) si è realizzato un solettone in calcestruzzo armato (spessore 130 cm) additivato con prodotti che migliorassero le caratteristiche di impermeabilità del calcestruzzo stesso.

Al solettone di fondo è stato legato strutturalmente il setto centrale della galleria stradale che ha di fatto suddiviso in due canne separate la struttura. Il top della galleria è stato realizzato con tegoli prefabbricati accostati e con il relativo getto in calcestruzzo armato di completamento strutturale. Sulla sommità della galleria sono stati poi realizzati gli strati impermeabilizzanti mediante membrane bituminose protette da una cappa a base cementizia e da ultimo sono in corso di esecuzione le modellazioni superficiali con terreno vegetale.

Condividi, , Google Plus, LinkedIn,