Condividi, , Google Plus, LinkedIn,

Stampa

Pubblicato in:

Aeroporto G. Marconi di Bologna: riqualificazione della via di rullaggio e del piazzale di sosta

L’intervento di manutenzione straordinaria per la riqualificazione del tratto di via di rullaggio compreso tra i raccordi “TM “e “TN” e dell’antistante porzione di piazzale di sosta aeromobili denominata “Apron 2”

Il controllo tecnologico dei materiali dalla S.T.S. Mobile Srl

Le attività di realizzazione delle pavimentazioni oggetto di appalto sono state controllate mediante specifica attività sperimentale con l’obiettivo di caratterizzare gli indicatori compositivi, prescrittivi e prestazionali. Oltre ai controlli in corso d’opera previsti dalle Norme tecniche di appalto, è stata impostata una campagna sperimentale orientata alla verifica dei parametri prestazionali fondanti le ipotesi progettuali. Dunque, per i materiali costituenti i singoli strati delle pavimentazioni in oggetto, sono state eseguite caratterizzazioni di laboratorio in fase preventiva e in corso d’opera inerenti – oltre ai tradizionali e consueti parametri meccanici – anche indicatori di resistenza alla deformazione permanente (UNI EN 12697-22) e resistenza a fatica (UNI EN 12697-24). Le attività sono state interamente svolte presso la sede operativa del Laboratorio S.T.S. Mobile Srl. L’indagine prestazionale di laboratorio, unitamente alla verifica stratigrafica e deflettometrica della pavimentazione in opera, hanno consentito di determinare le conformità alle prescrizioni aeronautiche e alle ipotesi di progetto strutturale delle pavimentazioni, confermandone le stime di durata.

Conclusioni

Gli interventi sulle pavimentazioni Air Side devono essere accuratamente programmati affinché si possano eseguire le lavorazioni nel giusto periodo dell’anno, minimizzare gli impatti operativi e garantire la buona riuscita di lavorazioni altamente specialistiche, come le lastre in calcestruzzo, per le quali si devono evitare le interruzioni di stesa e l’esposizione a condizioni termoigrimetriche severe. La pianificazione delle manutenzioni straordinarie delle infrastrutture aeroportuali va infine inquadrata nello specifico contesto strutturale, operativo e finanziario di medio/lungo periodo, tenendo in debito conto la vita utile residua di ciascuna pavimentazione ed assicurando le condizioni di sicurezza e di regolarità del traffico aereo.

Dati tecnici

  • Stazione Appaltante: Aeroporto Guglielmo Marconi di Bologna SpA
  • Contraente Generale: S.E.I. Srl in A.T.I. con la cooptata Bindi SpA
  • Direttore di Cantiere dell’Impresa Appaltatrice: Ing. Elena Sturlini della Bindi SpA
  • Progetto preliminare, definitivo ed esecutivo: Ing. Carlo Damiani della Transtech Srl
  • Collaudo: Ing. Lucia Ippoliti e Ing. Laura Attaccalite di ENAC
  • RUP: Ing. Domenico Terra di Aeroporto Guglielmo Marconi di Bologna SpA
  • Project Manager e Direzione dei Lavori: P.E. Davide Gentilini di Aeroporto Guglielmo Marconi di Bologna SpA
  • Direzione dei Lavori delle opere strutturali: Ing. Anna Aragone di Aeroporto Guglielmo Marconi di Bologna SpA
  • Direzione Operativa per le pavimentazioni: Ing. Stefano Tattolo di S.T.S. Mobile Srl
  • Direzione Operativa per gli impianti AVL: Ing. Lino Rossi
  • Responsabile Sicurezza: Ing. David Rango di Sitec Srl
  • Appaltatore dei Lavori: ATI composta da S.E.I. Srl e Bindi SpA
  • Subappaltatori: SFE Elettroimpianti Srl, Medipav Srl e Procelli Costruzioni Srl
  • Importo dei lavori (importo contrattuale): 3.405.034,06 di Euro di cui 154.890,69 per oneri di sicurezza
  • Data di consegna: 9 Settembre 2015
  • Data di ultimazione: 30 Luglio 2016