Share, , Google Plus, LinkedIn,

Print

Posted in:

La valutazione del rischio di sistemi infrastrutturali complessi

Promuovere una mobilità intelligente e sostenibile: soluzioni innovative per la gestione di sistemi infrastrutturali interconnessi e multimodali in fase di progetto e tecnologie basate su sistemi avanzati di comunicazione e di gestione delle informazioni

La valutazione del rischio di sistemi infrastrutturali complessi

Questo tipo di architettura non si presta molto bene laddove il territorio non sia già predisposto con infrastrutture di infomobilità per la raccolta e la trasmissione dei dati e gli enduser siano utenti in mobilità che devono usufruire dei servizi in tempo reale mentre si muovono sul territorio. L’architettura con gestione distribuita delle informazioni costituisce una nuova tipologia di architettura per la rete, di tipo SOA (Service Oriented Architecture), che permette agli oggetti fisici di pubblicare servizi accessibili ai Clients mobili e di interconnettere uomini con uomini, uomini con macchinee macchine con macchine. Nel caso sia comunque necessaria la presenza di un DBMS per l’archiviazione ed elaborazione di dati “offline” è possibile prevederlo come nodo fisso della rete. In sistemi complessi, tuttavia, possono crearsi condizioni tali che nessuno dei sistemi descritti possa assolvere in modo ottimale alle necessità di gestione.

Con questa struttura, gli utenti in mobilità possono accedere ai servizi forniti dalle singole control room mediante specifici software applicativi per dispositivi specifici, per esempio palmari o laptop scaricabili e installabili direttamente dalle control room in funzione delle specifiche credenziali d’accesso, secondo un approccio di gestione distribuita di dati.

La Super Control Room ha l’obiettivo di recepire in ingresso i dati raccolti sul campo dalla sensoristica posta sul territorio per il monitoraggio del traffico, della sicurezza ecc., e memorizzati nei DB dei gestori preposti al controllo delle diverse reti interagenti, e sulla base di questi effettuare delle aggregazioni ed elaborazioni sulle quali costruire i servizi verso gli utenti finali. Questa Super Control Room si configura come un sistema di supporto alle decisioni avanzato, grazie alla visibilità complessiva che ha del territorio, integrando le informazioni parziali dei sottosistemi.

L’accesso alla Super Control Room, oltre al Gestore addetto, può ovviamente essere reso disponibile anche a tutti gli Enti esterni per via diretta. Alcuni end-user, quindi, non sono solo fruitori di dati e servizi ma anche fornitori, in quanto da una parte hanno a disposizione una infrastruttura di sensori che permette di raccogliere i dati sul campo e memorizzarli nei DB delle proprie control room ad accesso diretto, e dall’altra, mettono a disposizione tali dati verso un sistema gerarchicamente superiore che integra e aggrega i dati di diversi sottosistemi, ed hanno indietro dei servizi possibili solo grazie proprio a questa successiva elaborazione.