Share, , Google Plus, LinkedIn,

Print

Emilia Romagna, Bonaccini firma decreto per 130 cantieri

Si ringrazia lo Staff di Gazzetta dell’Emilia per l’immagine pubblicata.

Opere idrauliche, frane, versanti e fiumi, difesa della costa, strade interrotte da dissesti. Sono oltre 130 i cantieri per la sicurezza del territorio pronti ad aprire nel 2019 in Emilia-Romagna, con risorse per circa 11 milioni di euro, per fronteggiare i danni provocati da piogge, mareggiate e venti forti tra ottobre e novembre 2018.

Il presidente della Regione Emilia-Romagna e Commissario straordinario per il rischio idrogeologico, Stefano Bonaccini, ha firmato ieri il decreto che dà il via al Piano degli interventi immediati di messa in sicurezza o di ripristino delle strutture e infrastrutture danneggiate nei settori dell’edilizia pubblica, compresa la manutenzione della rete viaria e la mitigazione del dissesto idrogeologico.

I finanziamenti alle province emiliano-romagnole sono così ripartiti: Agli interventi in provincia di Bologna sono destinati311 mila euro; 2 milioni e 60 mila euro andranno alla provincia di Modena, mentre Reggio Emilia e provincia avranno risorse per 1milione e 200 mila euro.

Ai lavori in provincia di Parma vanno finanziamenti per 1 milione e 620 mila euro, e 760 mila euro a quelli in provincia di Piacenza. A Ravenna sono assegnati fondi per 894 mila euro, Rimini potrà contare su 200 mila euro.

Infine, alla provincia di Forlì-Cesena andranno 680 mila euro e a Ferrara 2 milioni e 558 mila euro.

I fondi rientrano nella seconda tranche di risorse nazionali (decreto del Presidente del Consiglio dei ministri del 4 aprile2019) ripartite nell’ambito dell’accordo tra Stato e Regioni per far fronte agli eventi di maltempo dell’autunno 2018.