Condividi, , Google Plus, LinkedIn,

Stampa

Pubblicato in:

Il Punto di Vista: “L’utilizzo della meccanica computazionale nell’ambito dei sistemi di ritenuta stradali”

Marco Anghileri, Professore del Dipartimento di Scienze e Tecnologie Aerospaziali presso il Politecnico di Milano

L’utilizzo della meccanica computazionale nell’ambito dei sistemi di ritenuta stradali

L’utilizzo della meccanica computazionale nell’ambito dei sistemi di ritenuta stradali

Negli ultimi anni, il miglioramento dei codici di calcolo e delle prestazioni dei computer hanno permesso uno sviluppo enorme della meccanica computazionale applicata allo studio e alla certificazione dei sistemi di ritenuta stradale.

Le simulazioni al calcolatore, attività definite “virtual testing”, condotte mediante l’uso di codici ad elementi finiti appositamente sviluppati, sono oggi uno strumento fondamentale a disposizione del Produttore, del Gestore e degli Organismi notificati.

Di recente è stata approvata la Norma europea EN16303 che definisce i metodi per la validazione dei modelli sviluppati per lo studio dei sistemi di protezione stradale, inclusi i pali frangibili. Questa Norma rappresenta un punto di riferimento fondamentale ed è stata sviluppata con il contributo di tutti gli Stati membri della Comunità Europea.

Le attività in ambito certificativo sono rappresentate dallo studio di alcune modifiche di prodotto che, anziché essere verificate sperimentalmente, vengono analizzate con le simulazioni. Per poter utilizzare lo strumento numerico in ambito certificativo, il laboratorio virtuale – ossia l’Ente che conduce le simulazioni – deve per prima cosa validare il modello, ossia dimostrare la sua affidabilità, utilizzando come riferimento la EN 16303 che descrive il metodo per il confronto tra la prova certificativa reale e l’analisi numerica.

Una volta effettuata la validazione, è possibile studiare la modifica del prodotto e valutare le nuove prestazioni per l’ottenimento o l’aggiornamento, in seguito alla verifica e all’approvazione da parte di Organismo Notificato, della marcatura CE.

Gli altri campi di applicazione delle simulazioni sono rappresentati dalla fase progettuale, in cui le attività numeriche costituiscono uno strumento fondamentale da diversi anni, dallo studio delle transizioni, oggetto di Technical Report del CEN in fase di approvazione, e dalla verifica di quella vastità di casi reali in cui le prestazioni del sistema di ritenuta potrebbero essere influenzate da condizioni al contorno diverse da quelle utilizzate sul campo prova.

Alcuni esempi di queste attività possono essere gli ingressi nelle gallerie, la presenza di ostacoli a tergo della barriera che non possono essere rimossi, l’interazione tra barriere di campate di ponti adiacenti che possono interferire tra loro, la diversa consistenza del terreno o di infissione dei pali…

>  Se questo articolo ti è piaciuto, iscriviti alla Newsletter mensile al link http://eepurl.com/dpKhwL  <