Condividi, , Google Plus, LinkedIn,

Stampa

Pubblicato in:

Versatilità e compattezza per il centauro L 120.56-APR

Perché Centauro L 120.56-APR di Cams Srl? Perché svolge tre lavorazioni in un’unica macchina. Perché ricicla il 100% dell’asfalto. Perché rispetta l’ambiente. Perché è unico nel suo genere. E perché è totalmente Made in Italy

  For English version: https://www.stradeeautostrade.it/en/machines-equipments-work-sites/versatility-and-compactness-the-centauro-l-120-56-apr/

La tecnologia di riciclaggio di Cams è oggi conosciuta in tutta Europa e in numerosi Stati nel mondo. L’Azienda italiana, già leader nel riciclaggio dei materiali inerti, ha da tempo riposto la sua attenzione al recupero dell’asfalto, ottenendo risposte eccellenti da parte del mercato grazie all’efficienza unica delle soluzioni offerte.

Il processo di lavorazione sviluppato da Cams per il recupero dell’asfalto prevede l’utilizzo simultaneo di un frantumatore primario Serie FTR, un’unità vagliante e un granulatore secondario modello CTR.

Questi macchinari utilizzati simultaneamente sono dotati di grande versatilità, considerando anche la moltitudine di configurazioni di funzionamento che la gamma Cams propone, consentono di ottenere un prodotto finito di altissima qualità funzionale alle specifiche esigenze di applicazione.

Dopo aver sviluppato numerosi impianti fissi composti dai macchinari necessari al riciclaggio dell’asfalto, Cams (https://www.camssrl.it/) ha voluto proporre nella sua gamma di prodotti una soluzione in grado di unire l’efficienza e l’affidabilità di un impianto fisso alla versatilità di una macchina mobile, progettando e sviluppando un impianto unico, cingolato e dalle dimensioni compatte al fine di portare il processo direttamente su strada.

L’idea di sviluppare Centauro è nata nei cantieri, chiacchierando con alcuni dei Clienti più consolidati. Le esigenze che si ripetevano erano la necessità di riciclare quanto più materiale possibile, poterlo fare direttamente in cantiere per abbattere i costi di trasporto e soprattutto minimizzare l’impatto ambientale.

  • Recupero
    1 cams
    1. Il processo di lavorazione sviluppato da Cams per il recupero dell’asfalto prevede l’utilizzo simultaneo di un frantumatore primario serie FTR, un’unità vagliante e un granulatore secondario modello CTR
  • fresato
    2 cams
    2. L’impianto Cams per il recupero e la selezione dell’asfalto fresato

L’FTR 1200, il frantumatore primario ad alberi controrotanti

A differenza dei frantoi tradizionali utilizzati nei processi di riciclaggio, il granulatore FTR di Cams è dotato di due alberi dentati controrotanti che operano a bassi giri.

Questo processo di lavorazione consente di frantumare sfruttando lo sforzo di taglio e quindi ottimizzando il consumo energetico, mentre il basso numero di giri riduce sensibilmente usure ed emissioni polverose rispetto alle tecnologie tradizionali.

La disgregazione operata da questi macchinari preserva le caratteristiche del prodotto senza alterarne la curva granulometrica e senza dispersione del bitume contenuto nel prodotto in entrata, come verificato dalle prove effettuate in collaborazione con i laboratori dell’Alma Mater Studiorum presso l’Università di Bologna.

Progettato per avere la massima versatilità, FTR 1200 è impreziosito da due sistemi brevettati che consentono di cambiare in poco tempo i denti delle frese senza la necessità di estrarre gli alberi rotanti dal loro telaio e di un sistema di regolazione idraulica della pezzatura gestito direttamente dall’operatore tramite il radiocomando.

Il Pusher System, il sistema brevettato di dita meccaniche

Sono ben cinque i sistemi brevettati che può vantare Centauro L 120.56-APR: tra questi risalta il Pusher system, recentemente brevettato anche a livello internazionale.

Si tratta di un sistema di dita meccaniche, i cosiddetti spintori, che consentono di processare non solo il fresato ma anche le placche d’asfalto. Dotati di coltelli sulle loro estremità, il compito degli spintori è quello di ridurre dimensionalmente le placche e di aumentare la capacità di presa degli alberi controrotanti, mantenendo il materiale all’interno dell’angolo utile dei denti e consentendo di riciclare anche quella parte di materiale che diversamente finirebbe nelle nostre discariche inutilizzabile. 

  • Pusher system
    3 cams
    3. Il brevettato Pusher system
  • Cams
    4 cams
    4. Il prodotto finale

Il CVV 056, il vaglio dalla massima efficienza

Il vaglio a due piani modello CVV 056 con superficie di vagliatura di 5,6 m2 ciascuno è studiato per assorbire completamente l’abbondante quantità di prodotto in uscita dal frantumatore primario ed ottimizzare, così, l’efficienza produttiva dell’intero macchinario.

A rendere ancora più unico Centauro, è la distanza tra i due piani di vagliatura che è stata incrementata per agevolare l’attività di cambio delle reti. Questa caratteristica aumenta la versatilità d’impiego dell’intero macchinario rendendolo utilizzabile non solo per il riciclaggio dell’asfalto ma anche di altri materiali da costruzione e demolizione.

Il vaglio a due piani, unitamente al nastro brandeggiabile di cui è dotato Centauro L 120.56-APR, permette di scegliere un duplice risultato finale: tre prodotti finiti, oppure due prodotti finiti e uno “sovramisura”.

Ma cosa succede se si ha la necessità di ottenere solo due pezzature finite, senza trovare impiego per il cosiddetto materiale “sovra-misura”? È proprio a questo punto che Cams tira fuori l’asso dalla manica.

Ciclo aperto o ciclo chiuso?

Centauro L 120.56-APR è dotato di un nastro brandeggiabile che permette di cambiare il ciclo di produzione da aperto a chiuso con un’operazione elementare e di riportare al processo di frantumazione il materiale “sovramisura” quando per questo non si prevede un nuovo utilizzo.

La seconda frantumazione viene effettuata dal terzo macchinario installato sull’impianto, una cilindraia modello CTR 1200 che, grazie alla sua tecnologia unica costituita da alberi a corazze a lenta rotazione, è in grado di ridurre il prodotto alle uniche duedimensioni finali utili, senza produzione di filler e fornendo un output che preserva una curva granulometrica omogenea e il 100% del bitume contenuto nel prodotto iniziale.

  • Riciclaggio
    5 cams
    5. ll Centauro L 120.56-APR a ciclo chiuso
  • granulatore
    6 cams
    6. Il granulatore secondario CTR 1200

Il Centauro L 120.56 Asphalt Paving Recycling

Centauro L 120.56-APR è l’impianto mobile che unisce frantumatore primario e frantumatore secondario, vaglio e deferizzatore magnetico in un’unica soluzione che si rivela la migliore nel riciclaggio dell’asfalto.

Centauro L 120.56 Asphalt Paving Recycling è in grado di riciclare sia placche che fresato d’asfalto indipendentemente dalle condizioni atmosferiche o dal tipo di materiale con una produttività fino a 180 t/ora.

Progettato nel rispetto delle normali misure di sagoma per il trasporto, non è solo design ed efficienza ma soprattutto è amico dell’ambiente. Da sempre dotata di sistemi di inibizione delle emissioni acustiche e polverose e realizzata con motorizzazione elettrica ad alta efficienza, oggi tutta la gamma Centauro porta a casa dei suoi Clienti la tecnologia ibrida.

Centauro L 120.56-APR è dotato di doppia motorizzazione: un motore diesel FPT Industrial Cursor 9 da 305 kW, conforme alle stringenti Normative Stage V/Tier 4F, si aziona durante le operazioni di movimento e funge, nelle fasi di lavoro, da generatore per le apparecchiature elettroniche di cantiere grazie alle due prese da 220 e 380 V collocate sulla macchina.

In alternativa, per limitare i consumi di carburante e gli impatti ambientali, Centauro L 120.56-APR, come tutte le macchine della gamma Cams, è in grado di operare in modalità full-electric allacciandosi direttamente alla rete elettrica di cantiere. Cams ha fatto della sua costanza nella ricerca di tecnologie sempre più green il suo slogan: “Il futuro è verde”.

Centauro
7. La Gamma Centauro di Cams è equipaggiata con i motori FPT Industrial

Continua evoluzione, maggiori vantaggi

Centauro L 120.56-APR soddisfa inoltre i requisiti richiesti per ottenere gli incentivi Industria 4.0. Dotato di un PLC configurabile come Client in modo da consentire uno scambio di dati con i server e una comunicazione bidirezionale tra macchina e logistica di cantiere, Centauro può installare un sistema di pesatura sui nastri di scarico in modo da avere una continua misurazione del materiale prodotto.

Le informazioni raccolte vengono inviate al PLC dell’impianto e rese disponibili, assieme a tutte le altre informazioni di funzionamento, al fine di consentire una pronta e corretta gestione del sistema logistico di cantiere.

>  Se questo articolo ti è piaciuto, iscriviti alla Newsletter mensile al link http://eepurl.com/dpKhwL  <

 

  For English version: https://www.stradeeautostrade.it/en/machines-equipments-work-sites/versatility-and-compactness-the-centauro-l-120-56-apr/