Condividi, , Google Plus, LinkedIn,

Stampa

Pubblicato in:

Un freddo calcolato

La Eco-Works di Pordenone, Cliente storico Blend Plants, ha investito in un nuovo A240 Quater con quattro vasche per materiali inerti, con il chiaro obiettivo di aumentare l’offerta di materiali riciclati tra i quali l’asfalto a freddo

La strada dell’economia circolare è ormai cominciata da tempo. Le Aziende che hanno contribuito alla sua costruzione sono quelle che, oggi, riescono a trovare una collocazione stabile e concorrenziale sul mercato grazie a una mentalità operativa portata verso l’innovazione di processo. Fra queste vi è sicuramente la Eco-Works che ha sede a Sesto al Reghena (PN). Un Cliente storico di Blend Plants (https://blendplants.com/) che ha investito per ottenere conglomerati di vario genere, tra cui l’asfalto a freddo, ottenuti da materiali riciclati.

Lo ha fatto con un impianto importante, sia dal punto di vista della potenziale produzione, sia da quello dell’impostazione. Infatti, Alberto Zolin, Titolare della Eco-Works, spiega le motivazioni di una precisa scelta tecnica: “Abbiamo deciso di mettere in opera un Blend Plants A240 Quater, ossia con quattro vasche per i materiali inerti per ottimizzare ulteriormente l’efficienza del nostro centro di recupero.

asfalto a freddo
1. I due moduli affiancati dell’A240 Quater permettono di utilizzare quattro diversi inerti senza soluzione di continuità

Ci troviamo spesso nella condizione di dover cambiare tipo di conglomerato per soddisfare i nostri Clienti. La presenza delle quattro vasche permette di essere flessibili e al contempo di non dover svuotare le tramogge per utilizzare inerti differenti”.

Il processo di asfalto a freddo

La produzione di asfalto a freddo è oggi uno dei principali asset del riuso della Eco-Works. L’investimento nel nuovo A240 Quater è finalizzato proprio all’incremento di produzione di questo conglomerato.

“La richiesta del mercato – continua Alberto Zolin – ci ha spinti verso una soluzione di questo tipo. Il vantaggio sostanziale degli impianti Blend Plants è proprio nella miscelazione continua a fine ciclo. L’emulsione bituminosa viene immessa in modo esatto a fine ciclo permettendo, quindi, di avere quella precisione e quella flessibilità che il nostro lavoro richiede.

asfalto a freddo
2. La produzione di asfalto a freddo avviene senza problemi anche fra un carico e l’altro di misto cementato o altri conglomerati cementizi

Appena terminato un carico di asfalto a freddo è infatti possibile eseguire la miscelazione di un conglomerato cementizio o di qualsiasi altra miscela. Per noi è fondamentale riuscire ad essere operativi a 360° con un servizio che altre Imprese non sono in grado di offrire”.

La precisa organizzazione produttiva della Eco-Works parte infatti dalla preparazione dei materiali per il confezionamento del conglomerato bituminoso a freddo. Il materiale fresato viene infatti depositato nell’Azienda e vagliato con un vaglio sgrossatore mobile. La vagliatura permette di preparare il materiale con la corretta granulometria e di caricarlo in tramoggia.

La miscelazione avviene in modo continuo con una produzione che può arrivare fino a 120 m3/ora grazie al mescolatore con doppio albero controrotante in continuo. Una soluzione unica sul mercato che Blend Plants ha messo a punto in modo ottimizzato grazie al controllo automatico totale gestito in modo semplice e intuitivo.

asfalto a freddo
3. In caso di trasporto in altro luogo, i serbatoi verticali si scollegano rapidamente in pochi minuti

Un impianto realmente trasportabile

“Le nostre esigenze – spiega Alberto Zolin – sono sostanzialmente stanziali ma, avendo già “toccato con mano” i vantaggi della trasportabilità degli impianti Blend Plants con un E050 acquistato nel 2012, non abbiamo voluto rinunciarci.

Il nostro A240 Quater è composto da due moduli dell’A240 in cui in uno vi sono le tramogge e nell’altro le tramogge e il mescolatore, oltre ovviamente ai serbatoi d’acqua, emulsione, leganti e additivi.

Usiamo l’impianto all’interno della nostra piattaforma autorizzata ma nulla esclude di poterlo trasportare in modo comodo e rapido ovunque sia necessario. Abbiamo visto che, anche in occasione dell’arrivo in sede, la messa in funzione ha richiesto un’ora di lavoro”.

La Eco-Works ha scelto di installare il suo A240 Quater su un basamento di calcestruzzo costruito appositamente. L’appoggio avviene tramite supporti puntuali in acciaio lasciando una luce libera inferiore per avere una maggiore pulizia.

  • asfalto a freddo
    4 blend
    4. La rampa di carico delle vasche è stata contenuta con i moduli prefabbricati Betonblock prodotti dalla stessa Eco-Works con le casseforme commercializzate dalla Blend Plants
  • vasche
    5 blend
    5. L’A240 Quater della Eco-Works è stato montato in modo da favorire la pulizia e la praticità d’uso in qualsiasi fase operativa
  • Eco-Works
    6 blend
    6. La modularità dell’A240 Quater si fa apprezzare anche per quanto riguarda la pulizia delle soluzioni adottate per il montaggio e la operatività

Alberto Zolin spiega che “Abbiamo circoscritto la rampa di carico delle vasche con dei muri costruiti in elementi modulari Betonblock. In questo modo, l’impianto è completamente isolato dal contesto per agevolare manutenzione ed eventuale smontaggio per il trasporto”. Eco Works ha scelto di stoccare i leganti dentro silos verticali che alimentano l’impianto con delle coclee.

Utilizzando i silos orizzontali della Blend Plants si ha un’ulteriore ottimizzazione della trasportabilità grazie alla loro specifica progettazione pensata in funzione al trasporto e posizionamento.

Una gestione elettronica

La concezione modulare degli impianti della Blend Plants, dai modelli più piccoli della gamma E-series, fino all’A240, è la base che permette di soddisfare esigenze molto diverse fra loro.

  • asfalto a freddo
    7 blend
    7. La facilità di trasporto è uno dei punti di forza nel Blend Plants A240
  • asfalto a freddo
    8 blend
    8. Il posizionamento dell’impianto della Eco-Works è stato pensato per ottimizzare la funzionalità sia in caso di lavoro stabile sia per un eventuale trasporto
  • asfalto a freddo
    9 blend
    9. Lo stoccaggio dei leganti avviene in silos verticali collocati a fianco dell’A240 e collegati con coclee che lo alimentano in continuo

Alla base degli impianti c’è la mescolazione continua e la possibilità di avere con sé ogni elemento necessario per il confezionamento della miscela, sia essa un conglomerato, un misto cementato o semplicemente una miscela di materiali differenti da utilizzare a secco. La gestione elettronica permette di impostare in modo diretto e intuitivo le varie ricette in modo che la qualità rimanga costante nel tempo.

“Impostare le ricette in modo preciso ma al contempo semplice – illustra Alberto Zolin – è un altro dei vantaggi dell’A240 Quater che aumenta ulteriormente la polivalenza e la flessibilità di questo impianto.

In questo modo, passiamo dall’asfalto a freddo ai conglomerati cementizi con specifico Rck da un carico all’altro senza perdite di tempo. Un valore per noi fondamentale e che ci permette di aumentare ancora di più efficienza e competitività”.

Blend Plants E050
10. La Eco-Works fornisce misti cementati da lungo tempo e iniziò nel 2012 con un Blend Plants E050

Eco-Works, pensare green

Pensare “green”: dal riciclaggio dei rifiuti da demolizione e costruzione fino all’asfalto a freddo, passando per i Betonblock e i conglomerati cementizi. L’azione della Eco-Works spazia a 360° nel mondo dell’economia circolare legata al mondo dei rifiuti industriali e delle costruzioni edili e stradali.

Un’attività basata su un moderno impianto di trattamento in cui impianti mobili di frantumazione e vagliatura preparano il materiale da utilizzare nel Blend Plants A240 Quater.

  • 11A blend
    11A. La Eco-Works ha puntato in modo intelligente verso un’attività di recupero ad alto valore aggiunto
  • asfalto a freddo
    11B blend
    11B. La Eco-Works ha puntato in modo intelligente verso un’attività di recupero ad alto valore aggiunto

L’attività si svolge su una superficie di 48.000 m2 costruita secondo i dettami legislativi vigenti e secondo la ISO 14001 (requisiti di gestione ambientale) con un’ampia fascia di rispetto a verde in cui sempreverdi ad alto fusto hanno la preziosa funzione di barriera protettiva.

L’attività prevede anche il noleggio di cassoni scarrabili per la raccolta e recupero dei rifiuti da demolizione e costruzione con il conferimento presso il centro della Eco-Works.

Fondata nel 1996, la Società friulana compie 25 anni di attività e rappresenta il pioniere nel settore, portando avanti un processo di recupero e di riutilizzo dei rifiuti da demolizione e da costruzione che la vede oggi all’avanguardia.

L’arrivo del Blend Plants A240 Quater è l’ulteriore dimostrazione di come una tecnologia flessibile ed evoluta sia al servizio del recupero dei materiali di scarto.

  • asfalto a freddo
    12 blend
    12. La fornitura in opera di materiali derivanti dal recupero dei rifiuti da demolizione e costruzione è uno degli asset della Eco-Works
  • asfalto a freddo
    13 blend
    13. Il centro di recupero della Eco-Works è costruito secondo il rispetto di rigide Norme di rispetto dell’ambiente

Un impianto utilizzato non solo /per i misti cementati o per l’asfalto a freddo ma anche per il calcestruzzo con materiali riciclati utilizzato dalla Eco-Works per fabbricare gli elementi modulari Betonblock che la Blend Plants commercializza in Italia.

>  Se questo articolo ti è piaciuto, iscriviti alla Newsletter mensile al link http://eepurl.com/dpKhwL  <