Share, , Google Plus, LinkedIn,

Print

Riattivata la Società Stretto di Messina SpA. Ritorna l’idea di realizzare il Ponte

Matteo Salvini chiederà un cofinanziamento Ue Confermate per le anticipazioni. Nella legge di Bilancio è prevista anche la riattivazione della società pubblica Stretto di Messina Spa, attualmente in liquidazione dopo l’archiviazione del novembre 2012, della iniziativa del governo Berlusconi di realizzare la grande opera.

Questa è la legislatura che ha l’ambizione di posare la prima pietra e avviare questi lavori che non interessano solo Messina e Reggio Calabria ma l’intera Europa, tant’è che il 5 dicembre a Bruxelles alla riunione dei ministri dei trasporti Salvini chiederà che questa infrastruttura strategica abbia un cofinanziamento europeo».

Il progetto era già arrivato a un passo dal cantiere dopo la maxi gara lanciata nel 2003 e vinta dal consorzio Eurolink. Con una procedura assolutamente inedita, l’aggiudicazione è stata cancellata con un decreto legge (187/2012), aprendo un contenzioso con l’aggiudicatario, non ancora risolto.

Quindi esiste un progetto originario di Eurolink a campata unica, ma anche altre ipotesi, elaborate da un apposito comitato tecnico del ministero delle Infrastrutture, a cominciare da una diversa tipologia di ponte, che il comitato indica come preferibile, a tre campate invece di quello a campata unica.

Citando nei giorni scorsi il dibattito sull’opzione tra la ripresa del vecchio progetto e la partenza con una nuova gara, Salvini – nel citato convegno sul Ponte di Messina – si era detto «assolutamente ateo e laico: a me interessa la realizzazione di questa infrastruttura», riconoscendo che l’operazione, «tecnicamente non sarà semplice: va rivisto il piano economico-finanziario e va aggiornato il progetto».