Share, , Google Plus, LinkedIn,

Print

Aspi: Tomasi, lavoro manuale leva irrinunciabile per le sfide che ci attendono

(Come riportato da ” Il Sole 24 Ore Radiocor Plus”)

‘Il settore delle infrastrutture deve affrontare il problema delle competenze di cui attualmente il mercato è’ carente: questo ambito oggi conta 350mila operai. Ne mancano circa 145mila.

Il lavoro manuale è una leva irrinunciabile per le sfide che ci attendono: in quest’ottica, le imprese devono fare sistema con le scuole’. Lo ha affermato oggi a Palazzo Giustiniani al Senato l’amministratore delegato di Autostrade per l’Italia, Roberto Tomasi, durante la presentazione de ‘il Manifesto del lavoro buono – Pensare con le mani’.

‘Nell’ambito del progetto Autostrade del sapere – ha aggiunto Tomasi – abbiamo creato delle Academy per formare competenze tecnico-professionali nel campo delle manutenzioni e delle costruzioni, inoltre stiamo dialogando con il sistema ITS per un futuro che veda profili sempre più rispondenti alle esigenze del nostro settore.

Il lavoro manuale continuerà a rivestire un ruolo primario nell’ambito delle nostre attività. Dovremmo anche raddoppiare la capacità ingegneristica del Paese: il 55% della nostra forza lavoro, ha più di 50 anni e il 45% ha tra i 20 e i 50 anni.

Significa che il 45% è rappresentato da nuove competenze, mentre il resto sono figure che andremo a perdere per ragioni di età: è per questo che stiamo lavorando per attivare nuove professionalità e stimolare nuovi ingressi nel settore, mettendone in luce le opportunità. Abbiamo bisogno che l’industria si avvicini in modo deciso alla scuola e all’università.

Ed e’ il tempo che le aziende si alleino per mettere insieme fabbisogni, strumenti e programmi di azione: le sfide che ci attendono investono la capacità di individuare e coltivare le competenze del futuro nel breve, medio e lungo periodo. L’evento è stato promosso da Cnos-Fap (Centro Nazionale Opere Salesiane – Formazione Aggiornamento Professionale) e Elis (Educazione, Lavoro, Istruzione e Sport) per ribadire la centralità del lavoro manuale in tutte le sue declinazioni.

Share, , Google Plus, LinkedIn,