Share, , Google Plus, LinkedIn,

Print

Aggiudicazioni, Costruzioni Baraldini Quirino e Varia vincono due viadotti sulla A12

Photo credit: Sist

(come riportato da Alessandro Lerbini su Enti Locali & Edilizia)

A Bologna il Consorzio stabile Modenese riqualifica il ponte stradale sul fiume Reno per 9 milioni

Doppietta di opere stradali sulla A12 Sestri Levante-Livorno per Costruzioni edili Baraldini Quirino, Varia costruzioni e Mga.

La Salt – Società Autostrada Ligure Toscana – ha assegnato all’impresa di Mirandola (in questo caso capogruppo dell’Ati con Varia e Mga) i lavori di adeguamento strutturale del viadotto Navicelli, situato alla progressiva km 164+288 in provincia di Pisa.

Gli interventi da realizzare sull’opera riguardano sia gli impalcati che le sottostrutture (spalle e pile).
La gara dal valore di 18,844 milioni è stata assegnata per 14,491 milioni (quattro i partecipanti).

Il secondo bando è andato a Varia (capogruppo dell’Ati con Baraldini Quirino e Mga) che ha vinto sulla A12 i lavori di adeguamento ai sensi delle NTC 2018 dei viadotti Carrione e Lavello rispettivamente ai km 112+406 A12 (Comune di Carrara) e km 113+485 A12 (Comuni Carrara/Massa). L’appalto da 10,903 milioni è stato assegnato per 9,249 milioni.

I lavori consistono nell’adeguamento delle due opere condotto con riferimento al requisito di sicurezza nei confronti dei carichi statici e sismici previsti dalla norma vigente e alla garanzia di piena funzionalità dei dispositivi elastici che assicurano il corretto comportamento delle strutture rispetto alle prestazioni previste.

L’accordo quadro dei due bandi ha una durata — intesa come il periodo entro il quale il committente potrà affidare gli interventi ricompresi nel progetto posto a base di gara — di 4 anni a decorrere dalla relativa stipula.

Il Comune di Bologna ha aggiudicato al Consorzio stabile Modenese i lavori di consolidamento, riqualificazione e adeguamento del ponte stradale sul fiume Reno denominato Pontelungo, II e ultimo lotto. Il prezzo vincente è stato di 9 milioni contro una base d’asta di 9,9 milioni.