Condividi, , Google Plus, LinkedIn,

Stampa

Mobilità, 5G: sono 7 i corridoi Ue per testare le auto connesse e a guida autonoma

smart road

L’Unione europea ha dato vita ad un nuovo corridoio transfrontaliero per la sperimentazione delle reti 5G applicate alla smart mobility autonoma, elettrica e connessa. Ad annunciarlo è stata la Commissione europea, in occasione del Digital Day 2018, evento organizzato a fine giugno in Bulgaria per favorire la collaborazione tra Paesi membri in diversi ambiti dell’innovazione digitale.

L’asse transfrontaliero attraverserà la Bulgaria, la Serbia e la Grecia e vedrà la possibilità di testare auto a guida autonoma e connesse in rete rispettivamente tra Sofia, Belgrado e Salonicco. Con questa decisone diventano sette i corridoi europei individuati dall’Unione che consentiranno di testare la tecnologia 5G proprio sulla mobilità di nuova generazione (connected and automated mobility on European motorwayscross-border corridors).

In precedenza, era già stato attivato il corridoio 5G tra Francia, Germania e Lussemburgo, quindi il corridoio 5G tra l’Italia e la regione del Sud Tirolo, che andrà a riguardare l’autostrada del Brennero, una delle più trafficate d’Europa, dove transitano ogni anno circa 60 milioni di veicoli. Altri progetti in tal senso sono stati annunciati da Norvegia, Finlandia e Svezia, che vede la sperimentazione riguardare ben due autostrade: la E8 tra Tromsø (Norvegia) and Oulu (Finlandia); e la E18 tra Helsinki, Stoccolma and Oslo.

Un altro è quello tra Olanda e Belgio, con un corridoio per il 5G tra Rotterdam, Antwerp e Eindhoven, mentre l’ultimo è quello relativo a due smart road frutto di una lettera d’intenti tra Portogallo e Spagna: una in via di realizzazione tra Vigo e Porto, l’altra tra Evora e Metida. Un memorandum d’intesa è stato invece firmato da Austria, Ungheria e Slovenia per sperimentare le auto a guida autonoma e la mobilità elettrica.

La Commissione Ue spinge per la realizzazione di una rete di centinaia di chilometri di corridoi autostradali connessi, dove le sperimentazioni saranno condotte fino a consentire che un’auto possa funzionare da sola, in presenza di un guidatore e a precise condizioni. La Commissione considera le autostrade connesse una priorità e per questo annuncia il suo impegno per la risoluzione di tutte le problematiche in tema di sicurezza, privacy e gestione dei dati.